Domani in città il Gran Premio Sogepu con il campione del mondo Filippo Ganna

CITTA’ DI CASTELLO – La città vivrà domani, sabato 30 aprile, una giornata di grande ciclismo con il Gran Premio Sogepu, corsa a cronometro riservata ai dilettanti Elite 23 e alle categorie Juniores, Allievi ed Esordienti (maschili e femminili), che vedrà alla partenza il campione del mondo di inseguimento su pista Filippo Ganna.

Tra le cinque gare indicative nazionali della stagione, la competizione, valevole anche come Campionato regionale umbro per le categorie Juniores e Allievi, vedrà alla partenza 300 corridori provenienti da tutta Italia, che dalle ore 10 si sfideranno su un circuito di 27 chilometri per la categoria Elite 23 da percorrere all’andata e al ritorno attraverso le frazioni di San Secondo, Fabbrecce, Trestina e Cornetto. Dopo l’ultimo passaggio su via Aretina, la gara si concluderà sul traguardo posto all’interno del Ciclodromo Comunale Renato Amantini.

A contendere la vittoria a Ganna ci sarà anche il vice campione del mondo Elite su pista Edoardo Affini e per l’occasione arriverà a Città di Castello anche il commissario tecnico della nazionale italiana maschile Under 23 Marino Amadori, che ha personalmente promosso il percorso nel sopralluogo effettuato con gli organizzatori a marzo. “E’ un grande onore per Città di Castello ospitare un campione del mondo in una manifestazione così importante, – hanno dichiarato il sindaco Luciano Bacchetta e l’assessore allo sport Massimo Massetti, che hanno
presentato l’evento insieme a Filippo Ganna nella conferenza stampa di stamattina nella residenza municipale
tifernate, alla presenza del presidente del Comitato Regionale della Federazione Ciclistica Italiana Carlo Roscini,
del direttore sportivo del Team Colpack Gianluca Valoti, del presidente dell’Unione Ciclistica Città di Castello
Patrizio Braganti, con il vice presidente Giancarlo Montedori, del responsabile delle relazioni esterne di Sogepu
Claudio Tomassucci e del direttore di organizzazione dell’evento Enzo Amantini.

“L’eccezionale partecipazione di corridori che registra questa corsa – hanno evidenziato Bacchetta e Massetti – testimonia la capacità organizzativa dell’Unione Ciclistica Città di Castello ed è lo specchio di un movimento sportivo che nella nostra città ha tradizioni importanti e un presente caratterizzato da grande vivacità e significativi risultati, che riceveranno un altro bellissimo riconoscimento con il prossimo passaggio della tappa del Giro d’Italia”. A sottolineare come Città di Castello sia “punto di riferimento importante per l’intero movimento ciclistico umbro” è stato Carlo Roscini, il quale ha richiamato l’attenzione sul “numero di iscritti decisamente straordinario per una gara a cronometro, frutto della positiva risposta venuta da tutte le categorie e segnale di come le gare contro il tempo abbiano assunto un rilievo strategico nella programmazione dell’attività delle società sportive”.

Della passione per le corse a cronometro ha parlato Filippo Ganna, che ha sostenuto come “siano il genere di competizione nella quale la qualità tecnica e la preparazione fisica del corridore sono più direttamente percepibili, per il confronto con se stesso e la strada che difficilmente lascia spazio ad altri fattori nel risultato finale”. “Questa gara – ha puntualizzato Ganna – fa parte di un percorso che spero mi porti a confrontarmi presto in questa specialità ai più alti livelli del ciclismo professionistico mondiale”. L’importanza della corsa di Città di Castello è stata inquadrata dal direttore sportivo Gianluca Valoti, che ha sottolineato come “la prova di domani sia la prima tappa di un progetto sportivo che ha l’obiettivo di portare Filippo a competere al meglio nel Campionato del Mondo di
specialità in programma a ottobre a Doha”.

Soddisfazione per quella è stata definita per il numero di iscritti “una impresa sportiva frutto di passione e lavoro” è stata espressa dal presidente dell’Unione Ciclistica Città di Castello Patrizio Braganti, dal vice presidente Giancarlo Montedori e dal direttore di organizzazione Enzo Amantini, che hanno sottolineato il fondamentale contributo dell’amministrazione comunale e degli sponsor per la promozione di eventi così importanti e la grande collaborazione delle forze di polizia per il corretto svolgimento della corsa. “Per noi è un periodo assolutamente straordinario, con l’intitolazione del Ciclodromo comunale a Renato Amantini, il Trofeo Alta Valle del Tevere e ora questa gara a cronometro con presenze davvero incredibili e l’enorme privilegio di avere alla partenza un campione del mondo”, hanno affermato i rappresentanti del sodalizio ciclistico tifernate, con Claudio Tomassucci, che ha sottolineato come “Sogepu sia sempre molto vicina allo sport, ai grandi eventi che ospita la città e ad attività portate avanti in modo serio e professionale come quella dell’Unione Ciclistica Città di Castello”. Per consentire lo svolgimento dell’evento in condizioni di sicurezza, il comando della Polizia Municipale di Città di Castello ha emesso un’ordinanza che prevede, a partire dalle 10 di domani e fino al termine della gara ciclistica, la sospensione della
circolazione veicolare sulle strade interessate dalla manifestazione per il tempo strettamente necessario al
passaggio dei concorrenti. Per tutta la durata della gara, è inoltre disposto il divieto di accesso su via Aretina nel
tratto compreso tra via della Bastiglia e l’incrocio con via Cortonese.