Vincenzo Bucci: “La nostra opposizione sarà intransigente e durissima”

CITTA’ DI CASTELLO – Dopo la prima seduta del Consiglio comunale, proseguono le diverse prese di posizioni. Ecco quella di Vicenzo Bucci di «Castello Cambia».

Il Consiglio ha evidenziato uno scenario quasi scontato nella sua anomalia : un sindaco che invece di proporre davminaccia affermando che “non dimenticherà”, ma “stia sereno”, nemmeno noi dimentichiamo, né dimenticheremo quello che viene fatto alla città e ai suoi cittadini. La nostra opposizione sarà intransigente e durissima, portata avanti con trasparenza, responsabilità e cultura di governo. Finalizzata a spazzare via quanto prima questo gruppo di potere e restituire attraverso un processo democratico e partecipativo, serenità, crescita e futuro alla nostra comunità. Scontati gli attacchi di Bacchetta a Castello Cambia, individuato, a ragione, come il gruppo di opposizione con il quale dovrà fare i conti. Scontato anche il “soccorso nero” dei soliti Lignani e Sassolini, apparsi nei loro interventi più “bacchettiani” di quelli della maggioranza. Ma oggi non è più come nella passata legislatura, c’è per la prima volta una opposizione larga e qualificata. L’errore che Bacchetta e il Pd-Psi stanno commettendo è quello di pensare che si potrà andare avanti con le irresponsabili lottizzazioni del passato. Da oggi non sarà più possibile».

C’è anche quella di Luciano Neri, che in spiega come «In politica i messaggi contano. Il fatto che i due consiglieri di Tiferno

IMG_8510 2

Insieme, comprensivo del candidato sindaco, non si siano seduti nei banchi della destra a fianco della Lega, di Sassolini e Lignani, ma al centro, a fianco di Colombo e Vincenzo Bucci, è un segnale evidente. E fortissimo dal punto di vista della collocazione politica. L’opposizione si allarga, e il “soccorso nero” si isola».