Valerio Mancini: i progetti e gli impegni da capolista della Lega alle prossime elezioni regionali

CITTÀ DI CASTELLO – Pubblichiamo il messaggio elettorale inviato dal consigliere regionale uscente della Lega e candidato alle elezioni Regionali del 27 ottobre Valerio Mancini.

Segue il testo integrale della nota.

“La mia priorità sarà quella di mettere gli Umbri al primo posto: sono loro i primi ad avere diritto all’assegnazione delle case popolari, loro che meritano una sanità che funzioni, vicina ai pazienti, che faccia emergere la qualità professionale degli operatori sanitari, senza il peso delle tessere di partito o concorsi per gli amici degli amici. Una sanità pubblica che sappia ridurre i tempi biblici delle liste d’attesa e sia attenta alle disabilità e alla cura dei nostri anziani. Mi sono battuto in questi anni contro una Regione irresponsabile affinché il nostro vecchio ospedale di Città di Castello potesse essere riutilizzato per il sistema di assistenza territoriale, iniziando dai nostri anziani e dai disabili, anche a fianco dell’amministrazione Tifernate, ma dagli ex Assessori Barberini e Bartolini non è mai avvenuta una sostanziale condivisione dell’obiettivo, a danno di tutti i cittadini dell’Alto Tevere.

Mi batterò per un’Umbria sicura, che sappia ottimizzare le risorse disponibili in un’ottica di sorveglianza territoriale: mi impegnerò affinché la Polizia Locale sia di supporto a poliziotti e carabinieri, perché solo con la collaborazione e l’integrazione tra diversi comparti delle forze dell’ordine, le città possono essere più sicure.

Gli Umbri hanno anche il diritto di potersi muovere agevolmente nella regione su strade che non siano da terzo mondo, di avere un aeroporto che sia funzionale a turisti e imprenditori e collegamenti ferroviari che non abbiano tempi di percorrenza più lunghi di un secolo fa. La nostra ferrovia dovrà essere gestita per tutta la sua intera tratta, da Sansepolcro a Terni, da un unico gestore: RFI per quanto riguarda la struttura e la parte commerciale di biglietteria dovrà essere a carico di Trenitalia. È intollerabile che nella tratta che collega l’Alta Valle del Tevere a Perugia, il tempo di percorrenza sfiori le due ore.

La bellezza del territorio umbro non sarebbe tale senza i nostri agricoltori: serve pertanto una politica vicina a questo mondo, che parte dalle piccole imprese e dai giovani imprenditori. La regione che verrà, inoltre, dovrà avere nel cuore la Valnerina: la questione terremoto è ancora lì a gridare vergogna per una ricostruzione mai avvenuta e l’Umbria, per ripartire, ha bisogno di soluzioni e non di burocrazia. Dall’Alta Valle del Tevere, tante imprese potranno avere opportunità di lavoro nella ricostruzione.

Gli Umbri sono stati dimenticati dalla sinistra, troppo impegnata a spartire le poltrone ma col voto del 27 ottobre potranno finalmente far uscire dai palazzi tutti coloro che hanno portato questa regione ad essere la più povera d’Italia, una terra che ormai guarda sempre più a sud.

Sarò portavoce di queste istanze e insieme a voi porterò avanti la rivoluzione del buonsenso voluta da Matteo Salvini, dando concretezza alle parole.

Il 27 ottobre, alle elezioni regionali, vota la Lega e scrivi MANCINI”.

Messaggio elettorale a pagamento