Umbertide, Palazzoli e Valdambrini (Pd) interrogano al Giunta e il sindaco sull’ex Fcu

UMBERTIDE – I consiglieri comunali del Pd Gianluca Palazzoli e Giovanni Valdambrini hanno presentato un’interrogazione al sindaco e alla giunta in merito alla situazione della ex Fcu che dal 10 settembre scorso ha visto sospendere, per motivi di sicurezza, il trasporto ferroviario sulla tratta Umbertide – Città di Castello, causando notevoli disagi agli utenti.

“La chiusura della tratta sta causando enormi disagi ai tanti studenti e lavoratori pendolari che usufruiscono del servizio ferroviario e che si sono acuiti con la chiusura del parcheggio della stazione, oggi adibito agli autobus sostitutivi– hanno affermato i consiglieri del Pd – La situazione è alquanto grave, visto che esiste la seria possibilità che anche la tratta Città di Castello – San Sepolcro possa rischiare a breve la chiusura per criticità analoghe, mettendo in discussione il futuro di un’infrastruttura di primaria importanza per il territorio regionale, che costituisce una dorsale strategica per l’Umbria. A tal proposito l’assessore regionale ai trasporti Chianella ha affermato che, per provvedere alle opere urgenti di manutenzione della ferrovia e consentirne la riapertura, occorrono 6 milioni di euro e un anno di lavori, per questo interroghiamo il sindaco e la giunta per sollecitare la Regine e Umbria Mobilità, a definire un piano di rilancio e di sviluppo della Ferrovia Centrale Umbra, in linea anche con quanto previsto dal nuovo Piano regionale del trasporti e a vigilare sul rispetto dei tempi indicati dall’assessore Chianella. Con questa interrogazione invitiamo inoltre l’amministrazione  a salvaguardare l’officina, ad istituire un tavolo permanente con le istituzioni ed i soggetti interessati al servizio di trasporto ferroviario regionale al fine di rilanciare la Fcu ed evitare in futuro il ripetersi di tali inaccettabili situazioni, ad individuare una soluzione alternativa per garantire il parcheggio delle auto alla stazione e a verificare con Umbria Mobilità la possibilità di ridurre i disagi degli utenti applicando agevolazioni sugli abbonamenti o sui biglietti giornalieri”.