fbpx

Umbertide Cambia: “Ecco come rilanciare il centro storico”

UMBERTIDE –  Con un ordine del giorno il gruppo consiliare “Umbertide cambia” chiede al consiglio comunale di approvare la costituzione di una commissione di studio con l’incarico di elaborare un piano di interventi finalizzati alla rivitalizzazione ed al rilancio del centro storico. La proposta avanzata dalla lista civica prevede la partecipazione al gruppo di lavoro di rappresentanti della Giunta, del consiglio comunale, dell’amministrazione comunale, dei commercianti del centro, del consiglio di quartiere del centro e di esperti esterni in materia di urbanistica, cultura, commercio ed attività produttive.

“Da qualche anno, nonostante soluzioni urbanistiche ed investimenti evidentemente parziali, si sta assistendo ad un progressivo decadimento della vita economica e sociale del centro storico”, sottolinea il consigliere di Umbertide cambia Luigino Orazi.

“Le cause – aggiunge – sono molteplici e le risposte che la politica e l’amministrazione può e deve dare non sono semplici. Ma non si può restare a guardare. Piazza Matteotti e le zone contigue hanno assunto infatti un ruolo marginale nella vita di Umbertide. Esiste dunque un problema di sopravvivenza delle attività del centro storico e la necessità di un rilancio dell’area che passi attraverso misure ed interventi da attuare attraverso una cooperazione di tutti i soggetti interessati (politici, economici e sociali). Per tutto questo – conclude Orazi – chiediamo all’amministrazione comunale di definire, attraverso il gruppo di studio, un piano strategico di medio periodo e di farsi carico, nell’immediato, delle proposte che provengono direttamente dagli operatori economici: prevedere sgravi fiscali alle attività commerciali ed un contributo per l’affitto a chi decide di aprire attività al momento non esistenti in centro; un parcheggio a pagamento in piazza XXV aprile e in piazza Matteotti nel periodo invernale (da ottobre a marzo con esclusione del periodo delle feste di Natale); promuovere un canone estetico da rispettare nelle attività che occupano il suolo pubblico; riportare servizi pubblici in centro; spostare il mercato del mercoledì nelle piazzette del centro e nell’area sotto la Rocca, liberando così il parcheggio della Piattaforma; contribuire al pagamento della SIAE per tutti gli eventi che si vorranno fare nel periodo estivo”.