Tenuta di via Gramsci, Lignani Marchesani chiede informazioni sulla stabilità dell’edificio

CITTÀ DI CASTELLO – Andrea Lignani Marchesani, capogruppo di Fratelli d’Italia a Città di Castello, ha chiesto informazioni sulla stabilità strutturale di via Gramsci nel consiglio comunale di lunedì 9 dicembre.

“Qualche giorno fa si è aperta una buca nella parte adiacente l’asilo Cavour. Era una voragine. Con l’intervento dei Vigili urbani è stata apposta una segnalazione provvisoria ma a parte la fatiscenza di quella parte di via Gramsci e la soluzione temporanea al problema, dopo quattro giorni, rimangono dubbi sulla capacità del comune di intervenire in maniera permanente su questa viabilità. Quattro giorni sono troppi. Su segnalazione dei residenti ho notato il profondo dislivello tra una parte e l’altra della carreggiata in quella zona di via Gramsci, un avvallamento crescente a mano a mano ci si avvicini a via del Lampa. E’ normale?”.

Luca Secondi, assessori ai Lavori Pubblici, ha parlato di un problema che riguarda “le condotte fognarie. Abbiamo subito inoltrato ad Umbriacque. Si è proceduto al rifacimento di condotta e manto stradale e questo ha implicato qualche giorno di ritardo. Via Gramsci è inserita nell’Accordo Quadro e in quella sede valuteremo l’avvallamento con gli uffici”.

Lignani si è detto “poco soddisfatto. Nella contingenza, domenica 17 novembre, è accaduto il fatto ma la richiesta è partita il 20 novembre. Sulla staticità non mi ha rassicurato”. Secondi ha aggiunto: “Situazione non particolarmente preoccupante”.