fbpx

Rifacimento di via dei Casceri: interrogazione dei consiglieri Massimo Minciotti e Maria Grazia Giorgi (Pd)

CITTÀ DI CASTELLO – Con una interrogazione i consiglieri comunali del Pd Massimo Minciotti e Maria Grazia Giorgi chiedono al sindaco Luca Secondi e alla giunta “se esiste un progetto di ripavimentazione di via dei Casceri” e “se è stata valutata una ipotesi di diversa mobilità e regolamentazione degli accessi”. Per i rappresentanti della maggioranza è necessario comprendere “se non si ritenga utile e doveroso, piuttosto che realizzare decine di interventi non risolutivi nella rete idrica, coinvolgere Umbra Acque e il distributore del gas, considerando vantaggioso anche economicamente procedere al rifacimento complessivo del sistema idrico (acquedotto e fognatura), del gas, realizzando e predisponendo anche tutte le infrastrutture tecnologiche (reti dati, reti elettriche)”.

“Intervenire in via dei Casceri, sappiamo bene, non è come intervenire su qualsiasi altra via del centro cittadino di Città di Castello”, osservano Minciotti e Giorgi, ricordando che “la via che dal Tevere (antica via di comunicazione romana) portava alla fortificazione del Cassero, rappresenta la via storica per eccellenza all’interno delle mura, la via centrale negli antichi insediamenti romani”. “La sua pavimentazione in questi anni ha subito ogni sorta di sventramento selvaggio, per inserire apparati di nuova tecnologia, per il cedimento del collettore fognario, per il frequente ripristino della fatiscente rete idrica”, segnalano i rappresentanti del Pd, nel far presente che la via, “fortemente transitata, sommando acque piovane, avvallamenti, al traffico veicolare, diventa di difficile percorrenza, anche con mezzi meccanici, figuriamoci quindi a piedi o in carrozzina”. A giudizio di Minciotti e Giorgi “sono necessari urgenti interventi di sistemazione, proprio per il rispetto che si deve, non solo ad una via di un centro storico, ma quanto alla via per eccellenza della storia tifernate”. Riferendo di una recente perdita nella rete idrica che “provoca, oltre che disagio a chi la percorre, anche danni alle mura e portoni delle abitazioni, continuamente inondate da schizzi della auto in percorrenza”, gli esponenti del Pd portano a conoscenza della giunta il fatto che “da alcuni mesi, segnalazioni e sopralluoghi di Umbra Acque non hanno prodotto risultati, visto che nessun intervento risulta recentemente essere stato effettuato”. “Particolare preoccupazione ci viene segnalata circa il fatto che perdite consistenti, non riparate, oggi non affiorano più in superficie, in quanto le acque delle tubature, avendo trovato altri percorsi, vengono smaltite direttamente in fognatura, con grave spreco di acqua pubblica, depurata e destinata alla distribuzione delle utenze”, scrivono Minciotti e Giorgi, nel richiamare l’attenzione sul fatto che “tali infiltrazioni potrebbero provocare con il tempo cedimenti importanti anche degli altri impianti tecnologici, a partire dalla fognature, financo alle fondazione degli antichi palazzi e abitazioni storiche”.