Pd: «Ecco le novità con la Lega alla guida della citta’: aumento delle tasse e morosi in consiglio»

UMBERTIDE – «Il Pd ha chiesto di tenere più bassa l’Irpef per i redditi fino a 28 mila euro all’anno». Inizia così la nota stampa a firma della segreteria del Pd di Umbertide.

«La lega – si legge – ha aumentato di oltre il 50% l’Irpef agli umbertidesi, ha tagliato i servizi alle persone e ha svenduto il patrimonio pubblico destinato ad attività sociali. Il Pd aveva chiesto di pensare a sgravi fiscali tramite appositi bandi (come fanno i comuni di Città di Castello e Magione) per chi tornasse ad investire nel centro storico ed invece la Lega, insieme ai suoi soci, ha provato a mettere qualche parcheggio in piazza e vuole svuotare la piazza stessa di un importante servizio come la farmacia».

Nella nota i vertici del Pd locale ricordano di aver «posto attenzione all’edilizia scolastica, mentre la Lega non è in grado di predisporre un’adeguata progettualità per ottenere finanziamenti, infatti non si ha notizie dell’asilo nido e non si hanno notizie di finanziamenti per la scuola Di Vittorio. In compenso però – continuano i membri della Segreteria – questa Amministrazione leghista prevede un mutuo insufficiente per la scuola del Niccone (con il rischio di una desertificazione per alcuni anni di quel plesso e quel territorio). Gli unici investimenti sono stati finanziati da contributi regionali e risalgono all’attività commissariale (palestra scuole medie, progetti di efficientamento energetico Pierantonio, ed anche la scuola Monini pur progettata precedentemente è stata finanziata all’inizio del 2018)». E sugli investimenti pubblici: «Non si intravede alcuna progettualità, il Palazzo Comunale è un finanziamento del 2012 e gli altri piccoli progetti appartengono a scelte del passato). La Lega, con i suoi soci, in questi primi mesi si è messa in evidenza per due cose: consiglieri comunali morosi e aumento delle tasse ai cittadini».
Il Partito Democratico di Umbertide da parte sua, «con il suo Gruppo consiliare, continuerà a fare proposte, a svolgere appieno il proprio ruolo di opposizione, ad organizzare incontri pubblici sul territorio, ad interloquire con le istituzioni provinciali e regionali nell’interesse di Umbertide e dei sui servizi. La sfida alla Lega parte da un rinnovato impegno sul territorio».