Nasce “Umbria dei Territori”, la soddisfazione di Castello Cambia

CITTÀ DI CASTELLO – Castello Cambia esprime soddisfazione per il percorso che ha portato alla costituzione di “Umbria dei Territori”. Di seguito il testo integrale della nota inviata.

“Castello Cambia avendo partecipato fin dalla prima ora al percorso che ha portato alla costruzione di Umbria dei Territori, esprime soddisfazione e ottimismo rispetto agli esiti di questo lavoro, che è ancora lungo ma capace di concretizzare una proposta innovativa per il governo dell’Umbria.
La nostra regione ha bisogno di un cambio di passo reale e in discontinuità con il passato. Le liste civiche che hanno dato vita a UdT hanno la possibilità, le competenze e l’energia per contare e far contare i territori a livello regionale: un progetto che pur avendo ben presente la scadenza elettorale, ha un orizzonte di crescita molto più duraturo e incisivo. Da oggi – proseguono in nota –  continueremo la nostra azione politica con ancora maggiore motivazione, coscienti della crescente responsabilità che comporta l’impegno di dare una prospettiva regionale alle istanze del territorio e alle nostre battaglie”.

“Umbria dei territori fa un altro passo avanti verso la costruzione di un polo civico regionale, originale e innovativo. – proseguono – Per arrivare alla Costituente dei territori di Settembre, è in fase di definizione un coordinamento – provvisorio e aperto – che renderà immediatamente operativo il progetto nato da “Cantiere Civico” ( iniziativa in questi giorni impropriamente richiamata da più parti).
Il Consigliere tuderte Floriano Pizzichini, fra i promotori dell’iniziativa, è stato indicato quale portavoce del progetto, al fine di garantire l’unità del percorso, evitando equivoci e commistioni con altri soggetti. In una politica regionale sempre più in crisi, le realtà territoriali (soprattutto comunali) hanno tanto il diritto di compartecipare alle decisioni che le riguardano, quanto il dovere di elaborare strategie e progetti in settori fondamentali come quelli della gestione dei rifiuti, della sanità, dei servizi sociali, delle infrastrutture, delle politiche culturali e turistiche, che ai fini del superamento della crisi economica, possono sviluppare anche nuove forme di occupazione, oltre che il miglioramento dei servizi.
Siamo convinti che crescita e sviluppo passino dai territori: il governo regionale coordina, progetta in compartecipazione, programma sulla base delle scelte territoriali. Uno schema da integrare in una Regione aperta che dialoghi con le regioni confinanti su progetti comuni.
Umbria dei Territori è nata per marcare una netta discontinuità con il passato, nella consapevolezza che sia necessario uscire da un sistema fallimentare, ma anche nella convinzione che non basta cambiare il colore politico di chi governa, se non si ha la capacità di ripensare strutturalmente il sistema politico- istituzionale. È evidente la responsabilità di chi ha governato, ma anche di chi, in questi anni, avrebbe dovuto dar vita ad un’opposizione forte, concreta e realmente alternativa. Ad oggi non vediamo proposte volte al cambiamento, ma esclusivamente battaglie di posizionamento, fatte per lo più di personalismi, che hanno riflessi interni ai partiti e alle coalizioni, senza prospettive utili per la comunità regionale. È necessario rovesciare questo sistema regionale irrigidito, centralista, inadeguato; a tal fine un dialogo è possibile solo con chi si pone nell’ ottica di una vera discontinuità. L’Umbria chiede una nuova classe dirigente, espressione della volontà e delle capacità diffuse, non di gruppi ristretti”.

“La Costituente di settembre, – concludono – aperta alle realtà civiche e associative regionali, lancerà il programma e il profilo del candidato a Presidente della Regione, che non può che essere la fase conclusiva di un percorso serio, partecipato, lontano da vecchie e consumate logiche”.