fbpx

Morini (Tiferno Insieme): “Stop alle classi pollaio”

CITTA’ DI CASTELLO – Risolvere il problema delle “classi pollaio”, ovvero quelle classi in cui si contano quasi trenta alunni, dove insegnare è tanto difficile quanto apprendere. L’appello arriva da Nicola Morini, capogruppo di “Tiferno Insieme” alla vigilia dell’inaugurazione della scuola media di Trestina dopo l’intervento di restauro.

“In occasione della inaugurazione della ristrutturazione della scuola media di Trestina vorrei rivolgere una pubblica preghiera ai politici che si schiereranno in prima fila per il taglio del nastro. Che gettino un occhio anche a quelle due “classi pollaio”, contenenti 29 alunni ciascuno, che il governo Renzi aveva dichiarato di voler eliminare e che sono presenti all’interno del plesso trestinese. A cominciare dai parlamentari Verini e Ascani, che hanno sempre dimostrato estrema attenzione per le sorti dell’istruzione, fino a scendere alla nostra Giunta locale, sempre pronta a decantare le lodi dei governi di centrosinistra, abbiano tutti il coraggio di mettere la faccia non solo per celebrare i propri successi ma anche per assumersi la responsabilità dei propri fallimenti politici. – scrive Morini – In una classe di 29 persone per gli insegnanti lavorare diventa un’impresa e per gli alunni apprendere diventa un percorso ad ostacoli. In quelle classi potrebbe essere sufficiente far entrare qualche ospite per far saltare i giusti rapporti di densità in fatto di sicurezza e igiene”.

Per Morini “questo lieto evento” non dovrebbe risolversi come “l’ennesima prevedibile passerella, fatte salve la Dirigenza e gli insegnanti costretti a subire la situazione”: “Gli amministratori – conclude il consigliere di minoranza – colgano l’occasione per impegnarsi a risolvere un grave problema che purtroppo riguarda anche altre scuole nel nostro territorio e rappresentarlo nelle sedi opportune. Per parte nostra non mancheremo”.