palazzo comunale di Città di Castello, comune

Monterosi, Santi Laurini e Serpolla nella commissione comunale per le Case Popolari

CITTÀ DI CASTELLO – Dopo la nomina da parte del consiglio comunale di Città di Castello dei due membri – uno eletto a collegi separati dalla maggioranza ed uno dalla minoranza e la presa d’atto del rappresentante dei sindacati degli assegnatari – manca solo il nome del presidente perché la commissione comunale per l’assegnazione per le case popolari si insedi. L’assemblea nella seduta di venerdì 8 novembre 2019 ha infatti deliberato la nomina di Enrico Santi Laurini per la minoranza e Beatrice Monterosi per la maggioranza. Marta Serpolla per gli inquilini era già stata individuata a suo tempo.

“A norma del recente regolamento, che risale a qualche mese fa, i componenti di questo organismo che entra in gioco in caso di ricorsi alla graduatoria ufficiale, è composto da 4 membri con un segretario verbalizzante nella figura del Responsabile del Servizio Edilizia Residenziale Sociale. Il profilo delle competenze era di natura giuridico amministrativa e il compenso è quantificato nell’importo del gettone di presenza per i consiglieri comunali” ha ribadito l’assessore alle Politiche sociali Luciana Bassini. Un 50% in più è stato stabilito come ristoro del presidente. per il presidente, che è l’unica casella da riempire e sul quale il capogruppo di Fratelli d’Italia Andrea Lignani Marchesani ha chiesto informazioni al sindaco Luciano Bacchetta che ha chiosato: “Non è stato ancora deciso, sto individuando figure terze che garantiscano estrema trasparenza. La rosa è ampia, presto porterò delle proposte nella conferenza dei capigruppo”.