fbpx

Manutenzione stradale, “Uniti per cambiare”: “Nessun interesse per il nostro territorio”

MONTE SANTA MARIA TIBERINA – “Uniti per cambiare” punta il dito sulla manutenzione stradale: “Da parte della Regione nessun interesse al nostro territorio, mentre la provincia si nasconde dietro il solito alibi della mancanza di fondi”. Questa l’estrema sintesi dell’assise comunale del 27 luglio scorso, dove il gruppo guidato da Dario Maestri aveva richiesto un incontro con i vertici provinciali e regionali per parlare di viabilità, peccato che da parte della Giunta Marini non si sia visto nessuno. “Non rappresentiamo un cospicuo bacino di voti da cui attingere?- si chiedono i consiglieri di minoranza – forse è per questo che nessun vertice regionale si è degnato di rispondere alla nostra convocazione. Presente solo l’assessore provinciale Erika Borghesi che nel suo lungo intervento si è più volte nascosta dietro la mancanza di soldi, di agenti tecnici e di macchinari obsoleti non consoni per ripristinare una viabilità decorosa nel nostro comune. Ci chiediamo dunque, in che modo la Regione investe i circa 117 milioni di euro annui derivanti dal pagamento della tassa di possesso auto se, ancora, nel nostro comune le strade vertono in uno stato indecoroso, con una vegetazione talmente alta da ostruire i pochi segnali stradali rimasti in piedi. Non solo, nel Gennaio 2016 l’Assemblea Legislativa dell’Umbria ha approvato a maggioranza, la proposta del consigliere regionale Lega Valerio Mancini sulla manutenzione straordinaria delle strade in Altotevere, sono passati più di due anni, ma nessuno si è degnato di mettere in pratica quanto deliberato dalla massima assise. Il Sindaco Michelini, invece di indignarsi con la Presidente della Regione, chiude con Lei la sua campagna elettorale a Monte Santa Maria Tiberina: chiaro sintomo di sudditanza verso la collega di partito. Il gruppo Uniti per Cambiare, si ritiene, dunque, insoddisfatto, per l’intervento dell’Assessore provinciale che ha promesso piccoli accorgimenti futuri, le solite propagande che, anche se messe, in pratica non cambieranno lo stato delle nostre strade; ci riteniamo, altresì, indignati per la totale assenza dei rappresentanti della giunta regionale, ma allo stesso modo ci riteniamo delusi dall’atteggiamento poco costruttivo del sindaco Michelini e della sua maggioranza che ha snobbato l’assise visto che erano presenti solo 4 consiglieri di maggioranza, con la rilevante assenza del Vice sindaco. Per noi – concludono – la battaglia sulla sicurezza stradale non finisce qui e chissà cosa penseranno i turisti che in questi giorni, malgrado la viabilità, visitano il nostro comune”