Leu: «Siamo con il Comitato, si alla ripresa della Fcu e per la E78 a due corsie»

SAN GIUSTINO – «Appoggio al Comitato per la Salvaguardia e lo Sviluppo dell’Alto Tevere Umbro e Valtiberina Toscana». Liberi e Uguali di San Giustino prende posizione sui grandi temi delle infrastrutture.
«In merito alle vicende dalla Ferrovia Centrale Umbra e del completamento della E 78 – scrivono – ci preme prendere posizione in appoggio al lavoro svolto dal Comitato per la Salvaguardia e lo Sviluppo dell’Alto Tevere Umbro e Valtiberina Toscana in quanto: non si può inaugurare una ferrovia senza treni, con tratte completamente abbandonate e velocità (50 chilometri orari) da far west; non si possono spendere 100 milioni di euro per 10 chilometri di strada classificata C (cioè extra urbana) e farla passare come completamento della E 78 nel tratto E 45 – La Guinza, con un impatto ambientale irreparabile. E dato che lo stesso progettista ha dichiarato una schifezza il suo stesso progetto faremo in modo che di ciò se ne interessi la magistratura se necessario».
Gli esponenti di Leu vedono di buon occhio «una ripresa funzionale della Fcu con sistemi di sicurezza che portino la velocità a livelli accettabili per fare in modo che il treno ritorni ad essere un mezzo appetibile e funzionale per pendolari, studenti e turisti. Per questo ci batteremo per il ricollegamento con Arezzo della Fcu».
«Per la E78 – proseguono – siamo per la realizzazione di una strada a due corsie (con possibilità di raddoppio) completamente autonoma dalla viabilità esistente e rispettosa dell’ambiente».