fbpx

Il saluto alla città del sindaco uscente Luciano Bacchetta

CITTÀ DI CASTELLO –  “In un undici anni e mezzo da primo cittadino è stato fatto un ottimo lavoro, che ha permesso al Centrosinistra di vincere e di eleggere Luca Secondi, anche se mi aspettavo uno scarto maggiore: così l’ormai ex sindaco Luciano Bacchetta ha iniziato il suo saluto.

“Da sindaco fiero della riqualificazione del centro storico, unico rammarico non aver potuto inaugurare piazza Burri, il cui progetto però, dopo il Covid-19, è pronto a partire”. “Non entrerò in giunta, ma sono a disposizione per un ruolo istituzionale e accetterei la sfida della segreteria regionale del Psi”.

“Negli 11 anni e mezzo in cui sono stato sindaco di Città di Castello abbiamo fatto un ottimo lavoro, con amore per la città e spirito di servizio, per cui mi aspettavo una vittoria con uno scarto maggiore ed è in primo luogo mia la responsabilità se non siamo riusciti a trasmettere i grandi sforzi compiuti, ma i tifernati hanno comunque dato un segnale importante, premiando ancora il Centrosinistra e Luca Secondi, che sarà un buon primo cittadino e saprà amministrare bene”. Sono le parole con cui il sindaco uscente Luciano Bacchetta ha ripercorso la propria esperienza amministrativa fino all’epilogo dell’elezione del suo successore Luca Secondi, che ieri è stato proclamato primo cittadino di Città di Castello. Continuando nell’analisi politica, Bacchetta ha rimarcato come “la vittoria ottenuta con l’elezione di Luca Secondi sia stata difficile, in un contesto politico mutato, con un Centrodestra molto più forte e molto più competitivo che in passato”. “Al ballottaggio – ha osservato – c’erano 8 mila voti liberi, per cui era chiaro che ci fosse la possibilità concreta che prendessero vie diverse: Luca Secondi ha avuto 1.500 voti da quell’elettorato, Luciana Bassini circa 3 mila, per cui è chiaro che le indicazioni venute dai vertici regionali del Centrodestra non sono state accolte da gran parte dei cittadini di quest’area e questo ci ha permesso di vincere”. “Il risultato elettorale pone Città di Castello nella condizione di essere un laboratorio politico capace di rinnovare il messaggio politico del Centrosinistra”, ha spiegato Bacchetta, che si è detto “a disposizione dei compagni per la segreteria regionale del Partito Socialista, una sfida difficile che però accetterei volentieri, perché è importante ampliare l’area riformista e moderata del Centrosinistra per renderlo più forte e competitivo”. “Alle amministrative tifernati come Partito Socialista abbiamo ottenuto un risultato importante, di cui siamo molto soddisfatti, perché è arrivato in un contesto reso difficile dalla grande competitività della contesa elettorale, con moltissime liste e moltissimi candidati”, ha chiarito Bacchetta, che ha aggiunto: “abbiamo eletto quattro consiglieri, con un significativo rinnovamento e credo che sia una buona base di partenza per costruire un futuro sereno e di prospettiva per il governo cittadino”. “Personalmente – ha puntualizzato – non ho sicuramente alcuna aspettativa di entrare in giunta, perché è giusto che si apra una nuova stagione e non sarebbe opportuno che il sindaco uscente facesse parte dell’esecutivo”. “In consiglio comunale – ha continuato – garantirò un impegno costruttivo al fianco della giunta e se ci saranno le condizioni mi metterò a disposizione di un eventuale ruolo istituzionale”. Passando al bilancio della propria esperienza amministrativa da sindaco di Città di Castello e in ultimo da presidente della Provincia di Perugia, Bacchetta ha raccontato: “la cosa di cui sono più contento da primo cittadino è il gran numero di lavori che abbiamo realizzato nel centro storico, da piazza Gabriotti a Porta Santa Maria Maggiore, dalla riqualificazione del quartiere Prato fino ai lavori ancora in corso per il recupero delle mura urbiche, solo per citarne alcuni”. “La cosa che mi è dispiaciuta – ha ammesso – è di non aver potuto inaugurare piazza Burri, un progetto al quale abbiamo lavorato molto e che è pronto a partire già con la nuova amministrazione comunale, ma che è stato rallentato dalla vicenda del Covid-19”. “L’esperienza da presidente della Provincia di Perugia è stata molto complessa, ma anche molto bella, e credo che l’Altotevere e Città di Castello se ne siano giovati molto”, ha spiegato Bacchetta, che ha proseguito: “le risorse veicolate nel comprensorio e nella nostra città sono state moltissime e hanno permesso di sistemare problemi annosi come la strada Apecchiese, via Parini a Trestina, la strada della Baucca e del Sasso, tre interventi molto importanti che forse non sarebbe stato possibile realizzare se non ci fossi stato io come presidente”. “E’ stato inoltre possibile investire moltissimo nelle scuole – ha concluso – in particolare sull’Itis Franchetti e sul Liceo Plinio Il Giovane, dove presto apriranno cantieri che rappresentano un bel segnale per il futuro della città”.