Gasepri, M5s: «Auspico che la Nardi potrà sfruttare lo strumento legale del concordato preventivo»

CITTA’ DI CASTELLO – Riceviamo e pubblichiamo da parte del capogruppo M5S di Città di Castello,Marco Gasperi.

Diversi mesi fa fu affrontata sulle testate giornalistiche ed in Consiglio Comunale la questione riguardante l’ancora attuale crisi dell’azienda Nardi.
Lo scopo di questo comunicato è quello di rialzare l’attenzione su tutta la vicenda e di manifestare solidarietà verso l’azienda ma soprattutto verso tutti i lavoratori che da mesi convivono con il pericolo di perdere il proprio posto di lavoro. Entro poche settimane sarà deciso se la Nardi potrà sfruttare lo strumento legale del concordato preventivo così da poter dare maggiore speranza all’azienda stessa, ai creditori ed ai propri lavoratori. Spesso tutti noi veniamo a sapere della crisi di molte realtà lavorative leggendo i giornali o guardando la televisione, spesso pensiamo che questo tipo di notizie non possono riguardare l’azienda nella quale ognuno di noi lavora. Oggi invece ci rendiamo conto ancora una volta che “la crisi tifernate” esiste ancora e che ci tocca tutti da vicini. A Città di Castello, negli ultimi tempi, hanno già chiuso un numero considerevole di aziende ed esercizi incrementando così la disoccupazione e una serie di problematiche sociali di non poca importanza. Nel caso specifico vogliamo ricordare che tanti dei lavoratori della Nardi non sono più giovanissimi e tutti ben sappiamo che ritrovare un’occupazione per gli over 50 è ad oggi quasi impossibile in tutta la Nazione. La politica ha senza dubbio una sua parte di responsabilità e ora deve essere energica per cercare di evitare o limitare al massimo i danni occupazionali e sociali che la perdita di tanti posti di lavoro porterà.
Ognuno di noi può inoltre contribuire ad uno sforzo difensivo comune non lasciando cadere nel dimenticatoio tante dinamiche passate ed attuali. Concludiamo con l’auspicio che si riesca infine a difendere il più possibile questa nostra economia e questa nostra occupazione, colonne fondamentali per la crescita e lo sviluppo del nostro territorio.