Distretto Sanitario: prosegue la battaglia dell’amministrazione biturgense

SANSEPOLCRO – Il consiglio comunale ha approvato, nell’ultimo consiglio comunale di lunedì 26 novembre, con votazione favorevole unanime l’ordine del giorno sul Distretto Socio Sanitario della Valtiberina presentato dai gruppi di maggioranza a seguito dell’accorpamento con i distretti di Arezzo e Casentino.

Tale atto, che esprime la volontà di “tornare ad un distretto valtiberino a garanzia del diritto alla salute e alla assistenza sociale delle popolazioni che vivono nel territorio”, impegnerà il sindaco e la giunta comunale ad assumere tutte le azioni tese al ripristino dell’autonomia del Distretto e al mantenimento e rafforzamento di un efficiente livello qualitativo del presidio ospedaliero.

Il provvedimento impegnerà inoltre l’amministrazione comunale a valutare modalità e tempistiche del processo di ricostituzione delle articolazioni territoriali autonome, come concordato nell’incontro tenutosi la settimana scorsa a Sansepolcro tra i sindaci delle zone interessate, l’amministrazione regionale e ASL Toscana Sud Est.

Nella seduta del 20 novembre, il Consiglio Regionale della Toscana ha infatti approvato la legge n. 49 inerente le “Disposizioni in merito alle articolazioni territoriali delle zone-distretto” con la quale – se richiesto dal 75% dei Consigli degli Enti Locali territorialmente interessati dall’accorpamento delle Zone Distretto – verrebbe riconosciuta alle ex Zone Distretto una propria autonomia programmatoria, gestionale ed economica.

“Questo atto riafferma con forza la nostra volontà di continuare la battaglia per un distretto autonomo – commenta il sindaco di Sansepolcro, Mauro Cornioli – anche dopo l’approvazione della legge n. 49, la nostra amministrazione continuerà a monitorare le attività della Regione su questo fronte.”