Dimissioni del nuovo comandante dei Vigili Urbani, Lignani Marchesani: “Quali sono le vere motivazioni?”

CITTA’ DI CASTELLO – “Ci sono motivazioni di natura organizzativa e/o gestionale nella decisione del dottor Ravaglia?”: così il consigliere comunale di Fratelli d’Italia Andrea Lignani Marchesani interroga il sindaco sulla decisione del neo comandante dei vigili urbani di lasciare l’incarico dopo appena tre mesi (ecco l’articolo: https://atvreport.it/cronaca/polizia-municipale-si-cambia-dal-1-febbraio-in-arrivo-un-nuovo-comandante/)

“E’ durato lo scarno tempo del periodo di prova l’esperienza del dottor Marco Ravaglia di Comandante dei Vigili Urbani di Città di Castello. – scrive Lignani Marchesani presentando l’interrogazione – Per quanto lunga sia stata l’esperienza del precedente Comandante, estremamente (troppo?) breve è stata l’attività di vertice del nuovo. Può darsi che sia stato un semplice problema di ambientamento, della difficoltà anche private a dover fare una vita da pendolare, situazioni che giustificherebbero ampiamente la decisione. E’ importante che i cittadini sappiano però, ed è il senso dell’interrogazione presentata, se ci siano altre motivazioni di natura operativa o di organizzazione”.

“E’ dunque opportuno che entro il 31 gennaio, giorno della cessazione definitiva dall’incarico, il dottor Ramaglia riferisca ancora nella Commissione competente. Sarebbe opportuno che nella stessa sede si possa audire anche il nuovo Comandante, in particolare modo sulla sua effettiva volontà di occupare un ruolo di natura così complesso, – conclude il capogruppo di Fratelli d’Italia – visto che non occorrerà fare un’altra selezione e si potrà attingere alla precedente graduatoria concorsuale”.