fbpx
palazzo comunale di Città di Castello, comune

Dimissioni Bassini dalla carica di assessore alle politiche Sociali, Pari Opportunità, Protezione Civile e Personale di Città di Castello

CITTÀ DI CASTELLO – Con una lettera invita al sindaco tifernate, Luciano Bacchetta, l’assessore alle Politiche Sociali, Pari Opportunità, Protezione Civile e Personale, Luciana Bassini, ha comunicato oggi le proprie dimissioni dalla carica ricoperta in giunta da inizio legislatura ritenendo doveroso interrompere il mandato amministrativo in ragione della candidatura alla carica di Sindaco del Comune di Città di Castello.

Si profila quindi una corsa elettorale con gli schieramenti “spaccati”. Da una parte Luciana Bassini e Luca Secondi che hanno imboccato, con l’uscita di scena dalla giunta della Bassini, evidentemente due strade differenti, archiviando di fatto le trattative che cercavano di ricucire il centro sinistra alle urne. Dall’attuale giunta Bacchetta, quindi, nascono due nomi: Luciana Bassini, sostenuta da M5s, Civici Per, Europa Verde, Articolo Uno, Unione Civica Tiferno e Castello Cambia, e Luca Secondi, sostenuto da PD, Socialisti, Italia Viva, Azione, Sinistra per Castello, più una lista civica espressione del candidato stesso.

Proprio Luca Secondi nelle ultime ore, con una nota stampa, ha fatto sapere di continuare a pensare che la stima reciproca con Luciana Bassini non precluda una collaborazione, “ma – scrive Secondi nella nota – devo prendere atto della sua scelta di rinunciare a unire l’intera area del centrosinistra di Città di Castello e di schierarsi con le forze politiche che negli ultimi cinque anni sono state all’opposizione.”

D’altra parte, anche la corsa elettorale della destra tifernate appare spaccata, con due candidati a sindaco: Andrea Lignani Marchesani, sostenuto da Fratelli d’Italia, Forza Italia, Udc, Cambiamo con Toti e Civica Castello, ed un candidato da parte della Lega, che proprio oggi, con l’arrivo in città di Matteo Salvini, verrà annunciato dal carroccio tifernate.

L’appello alla Lega, con cui Fratelli d’Italia e Forza Italia governano alla Regione Umbria, era giunto pochi giorni fa da parte del segretario regionale di FdI, Franco Zaffini: “Facciamo appello agli amici ed alleati della Lega affinché contribuiscano in maniera assolutamente protagonista allo sforzo comune delle forze alternative a quelle responsabili della decadenza economica e sociale di Città di Castello, solo vent’anni fa era una capitale economica e sociale dell’Umbria.”

Dal canto suo la Lega ha annunciato che proprio oggi, “Lunedì 23 agosto alle 15 Matteo Salvini sarà nella sede della Lega a Città di Castello in Corso Vittorio Emanuele, 27 per presentare il candidato sindaco alle elezioni amministrative di ottobre – annunciano Marchetti, Baglioni, Puletti e Mancini – dopo troppi anni in cui i tifernati hanno subito la cattiva politica della sinistra, avranno la loro occasione per tornare ad essere gli unici e veri protagonisti. A due anni dalla svolta umbra, anche Città di Castello è pronta a scrivere una storia nuova – proseguono – siamo convinti che, come accade ormai da molto tempo, non mancherà neppure in questa occasione appoggio e fiducia da parte dei nostri concittadini, consapevoli che la Lega sia l’unica alternativa possibile per costruire insieme la rinascita di Città di Castello”. Appare sempre più probabile una corsa a quattro per le elezioni di Città di Castello.