Deflusso acque piovane a Piosina: ecco l’interrogazione di Tofanelli (Pd)

CITTÀ’ DI CASTELLO –  “A causa di una non favorevole pendenza dei fossi della raccolta delle acque piovane che provengono dalla zona di Cerbara verso il Tevere (vedi foto) quando si presentano rovesci considerevoli si creano problematiche di allagamento nelle abitazioni della frazione di Piosina”: il deflusso delle acque piovane di Piosina arriva, così, in consiglio comunale con un’interrogazione del consigliere del Partito Democratico Vincenzo Tofanelli.

“L’acqua – precisa Tofanelli nell’interrogazione – defluisce da sotto il capannone della Fat e si incanala verso l’abitato di Piosina. In prossimità del centro abitato il canale ha un restringimento dovuto a dimensioni non adeguate del tombolo e nel caso di piogge persistenti non riesce a smaltire il flusso di acqua. Dalla parte destra vi è un flusso di acqua senza fosso di raccoglimento che passa sotto il sottopasso della E45 e poi si riversa sui campi sovrastanti l’abitato di Piosina. Nel caso di piogge persistenti i due flussi si vanno a sommare ed invadono la frazione anche perché vi è una conformazione del terreno non ideale allo smaltimento. Da una prima valutazione potrebbe sembrare utile e risolutivo incanalare le acque provenienti da Cerbara su un condotto che segua il tracciato verde”.

Nell’interrogazione Tofanelli chiede, dunque, che venga fatto “un sopralluogo congiunto tra i tecnici, gli abitanti della frazione e l’assessore competente per una valutazione della problematica, che si definiscano le modalità di come si intende risolvere la problematica e si elabori un resoconto dell’investimento”.