Coronavirus, PD: “Più strumenti di protezione per operatori sanitari e più tamponi alla popolazione”

UMBERTIDE – “Anche ad Umbertide, purtroppo, ci troviamo in questi giorni a fronteggiare l’emergenza Coronavirus. I casi di soggetti positivi fra la popolazione sono in aumento. L’8 per cento dei contagiati in Italia è un operatore sanitario. La Fondazione Gimbe ha rielaborato i dati forniti dall’Istituto superiore di sanità e ha calcolato che sono saliti a 2.629, ovvero l’8,3 per cento dei casi totali, gli operatori sanitari contagiati dal nuovo coronavirus. I dati sono aggiornati a ieri e il presidente di Gimbe, Nino Cartabellotta, osserva che “il numero di operatori sanitari infetti è enorme. L’8,3% dei casi totali è una percentuale più che doppia rispetto alla coorte cinese”. Anche in diverse realtà dell’Umbria il virus non ha di certo risparmiato chi lavora nella sanità”. A parlare è il Pd umbertidese secondo cui “serve che il personale sia dotato di adeguati strumenti di protezione (mascherine, guanti, camici e quanto serve) e questo a tutela degli operatori in prima linea (ai quali va il nostro sincero ringraziamento) e a tutela dei pazienti”.

“Tutto questo – aggiungono –  èevidente anche nelle strutture sanitarie di Umbertide dove la strumentazione a disposizione non è del tutto adeguata alle necessità.”

“Siamo vicini – dicono dal partito – A tutti quelli che ogni giorno svolgono il loro lavoro con serietà, professionalità e spirito di sacrificio. E poi – si legge nella nota, per concludere- un appello: “Occorre mettere in sicurezza la popolazione effettuando tamponi in modo massiccio anche sui soggetti asintomatici a partire da quelli più deboli. Serve uno sforzo comune per debellare il virus e tornare alla normalità.”