Cittadini per Cambiare interrogano la giunta sui lavori di adeguamento e miglioramento sismico sugli edifici scolastici

SAN GIUSTINO – Adeguamento sismico e “semplice” miglioramento sugli immobili di proprietà comunale sede di scuole del nostro territorio: in base a quale criterio si è fatta la scelta dei lavori. Lo chiedono, in un’interrogazione, i consiglieri comunali di “Cittadini per Cambiare”, Pierluigi Leonardi, Luciana Veschi, Vincenzo Iellamo e Corrado Belloni che chiedono di conoscere “per quali immobili di proprietà Comunale sede di scuole sono stati effettuati “interventi di adeguamento sismico”, ovvero – spiegano – ad interventi atti a conseguire i livelli di sicurezza previsti dalle norme tecniche (NTC 2008, tenendo presente, peraltro, che in questo mese è stata diffusa la bozza delle NTC 2016 e che il nuovo testo prevede alcune modifiche per gli interventi di miglioramento ed adeguamento) e per quali, invecece, interventi di “semplice” miglioramento sismico, ovvero interventi atti ad aumentare la sicurezza strutturale, pur senza raggiungere i livelli richiesti dalla norme”.

I consiglieri di minoranza chiedono, inoltre, di conoscere se “per gli altri immobili di proprietà comunale e d’uso pubblico o “aperti” al pubblico sia o meno stata fatta “una valutazione della sicurezza” con particolare riguardo alle “condizioni di salvaguardia della vita umana” e alle “condizioni di collasso”, tenendo presente che le costruzioni esistenti devono essere sottoposte a tale valutazione, anche nei casi di riduzione della capacità resistente della struttura dovuta ad azioni ambientali (sisma, vento, neve, temperatura) e di significativo degrado delle caratteristiche meccaniche”.