fbpx

Chiusura del plesso in via Morandi, Galmacci (LN): “L’amministrazione arriva sempre in ritardo quando c’è in gioco la sicurezza cittadina”

UMBERTIDE – “Una scuola che non rispecchia le normative antisismiche, non può essere aperta ai ragazzi o ai bambini. L’amministrazione comunale arriva sempre in ritardo quando c’è in gioco la sicurezza degli umbertidesi”: interviene così il commissario cittadino della Lega Nord Vittorio Galmacci sulla repentina decisione da parte del sindaco Locchi di chiudere la scuola di Via Morandi.

“Fortunatamente, il nostro territorio è stato colpito solo marginalmente dal violento terremoto che ha messo in ginocchio tutta la Valnerina e gran parte delle Marche, ma ciò, non esonera un’amministrazione comunale presente ed accorta a vigilare sullo stato di sicurezza dei plessi scolastici, alcuni dei quali non a norma. Siamo concordi con il sindaco Locchi che, seppur in ritardo, ha deciso di chiudere la scuola di Via Morandi, ma allo stesso tempo ci auguriamo che questo campanello d’allarme serva a svegliare chi dovrebbe tutelare i cittadini. Ad oggi la strada migliore e più breve da seguire – continua Galmacci – è quella di demolire l’edificio esistente, operazione questa che non richiederebbe più di 2 o 3 giorni dopo di che, sullo stesso terreno, costruire una nuova struttura anche prefabbricata purchè ovviamente in grado di garantire la massima sicurezza possibile. Così facendo, nel giro di pochi mesi Umbertide potrebbe avere la sua nuova scuola: a tal proposito chiediamo di sapere se l’ala nuova, quella aggiunta dalla precedente amministrazione e mai portata a termine, è stata costruita con criteri antisismici visto che in questo caso potrebbe non essere demolita ma integrata così com’è nella nuova erigenda struttura”.