Valerio Mancini

Riceviamo e pubblichiamo una lettera aperta del consigliere regionale Valerio Mancini a Luciano Bacchetta

ALTOTEVERE – Riceviamo e pubblichiamo una lettera del consigliere Valerio Mancini, record-man di preferenze alle recentissime consultazioni regionali Umbre, indirizzata direttamente al sindaco di Città di Castello, Luciano Bacchetta, nonché Presidente della Provincia di Perugia.

Nella lettera il consigliere Mancini, appena riconfermato all’assise umbra, chiede la possibilità di immaginare e costituire una sorta di “Stati Generali dell’Altotevere”, un tavolo di confronto condiviso fra sindaci, istituzioni, rappresentanti del mondo imprenditoriale ed associativo locale, per poter avviare un dialogo costruttivo e condiviso sul territorio.

Caro Luciano,

Ancor prima che come rappresentante degli Umbri, riconfermato nel ruolo di Consigliere Regionale in seguito alle recenti consultazioni elettorali, ti scrivo come tuo concittadino, che da sempre ha avuto a cuore l’Altotevere.

Nel riconoscere a ragione il tuo ruolo in veste di Sindaco di Città di Castello e di Presidente della Provincia di Perugia, ti chiedo di voler essere promotore di un incontro con i Sindaci di Citerna, San Giustino, Monte Santa Maria Tiberina, Pietralunga, Montone, Umbertide, unitamente ai rappresentanti delle associazioni di categoria della nostra Valle.

Considerato il quadro politico attuale che vede questo territorio rappresentato in Regione anche dal consigliere Michele Bettarelli, eletto tra le fila del Partito Democratico, è mia intenzione aprire insieme a te un tavolo di confronto con i rappresentanti del mondo imprenditoriale e associativo locale, così da poter avviare un dialogo costruttivo su temi fondamentali quali i trasporti, l’agricoltura, le imprese e la salute. Ciò che ho in mente sono gli “Stati Generali” dell’Alto Tevere, che siano utili per raccogliere le istanze del nostro territorio, così da presentarle alla nuova Giunta Regionale con intento costruttivo e condiviso.

Certo del tuo sostegno istituzionale e organizzativo, ringrazio.

Un caro saluto,

Valerio Mancini