Summit fra sindacati e Banca di Anghiari e Stia Credito Cooperativo: sul tavolo la piattaforma «Oltre la crisi, per Altotevere 4.0»

CITTA’ DI CASTELLO – Un summit fra i rappresentati di Cgil, Cils e Uil e il mondo creditizio: al centro la piattaforma «Oltre la crisi, per Altotevere 4.0». L’incontro è avvenuto nei giorni scorsi, quando Alessandro Piergentili (Cgil), Antonello Paccavia (Cisl) e Piergiovanni Egidi (Uil) hanno visto Fabio Pecorari, direttore generale della Banca di Anghiari e Stia Credito Cooperativo, e Lucio Ciarabelli, membro del Consiglio di amministrazione. Il faccia a faccia è servito, come spiegano i rappresentanti di Cgil, Cils e Uil «per fare il punto sulla situazione ed un esame delle problematiche del credito nel territorio». La discussione si è concentrata sulle tematiche del territorio e sul ruolo del sistema del credito per le persone e per le aziende, in modo particolare di piccole dimensioni. I sindacalisti hanno posto la necessità di una attenzione alle realtà territoriali da parte dell’istituto di credito per «superare situazioni di difficoltà e per sostenere progetti ed iniziative di sviluppo legate al territorio». Da parte del direttore della banca vi è stata la illustrazione delle azioni già attivate e dello spirito che guida una banca di credito cooperativo che è necessariamente legata alle esigenze del territorio e dei soci che vivono nella vallata di confine umbro-toscano dove si sviluppano 9 delle 13 filiali dell’istituto di credito. «C’è una volontà di continuare il confronto – hanno spiegato – e di attivare iniziative che riescano a dare le necessarie risposte alla comunità».