fbpx

Sindacati: “Nel 2016 in Altotevere serve un cambio di passo”

CITTA’ DI CASTELLO – Un anno ancora vissuto in chiaro scuro. Se in alcuni comparti, come quello della meccanica e dell’agroalimentare, ci sono dei lievi segnali positivi, in altri la crisi continua a mordere, mentre resta il nodo dell’occupazione per gli over 55 e le donne. E’ questo l’orizzonte dell’anno appena concluso descritto dai sindacati, che hanno realizzato un incontro in un luogo simbolo della città: la stazione della Fcu. «Rappresenta – hanno detto Alessandro Piergentili della Cgil con Mario Rossetti dello Spi, Antonello Paccavia (Cisl) Alessandro Mencaccini (Cisl pensionati) e Bruno Allegria (Uil) – uno dei problemi ancora sul tappeto: la Fcu resta uno degli snodi strategici per noi e per l’Umbria, una vera e propria spina dorsale nel sistema dei trasporti, anche in vista di quello che succede oggi con l’inquinamento. Abbiamo scelto anche questo luogo per affrontare anche il futuro della Piastra logistica, della E45 ed E78: nel 2016 vogliamo fatti concreti». Piergentili si è poi soffermato sulla Piattaforma «L’Altotevere al lavoro», spiegando gli incontri realizzati, i summit con le amministrazioni e i risultati ottenuti soprattutto con i comuni di Città di Castello, Umbertide e San Giustino. E non solo, ma aggiungendo come l’Altotevere può essere visto come un laboratorio, dove le tre sigle sindacali lavorano e operano in maniera unita e unitaria. Il rappresentante della Cgil ha poi puntato l’attenzione sull’ex ospedale. «E’ necessario – ha aggiunto – avere delle decisioni stringenti». Antonello Paccavia (Cisl) si è invece voluto soffermare sui trasporti, «Dobbiamo rompere il muro di silenzio sulla Fcu», sulla piastra logistica che non si trasformi in una cattedrale nel deserto e infine sulle tasse. «Basta tasse – ha detto – non possiamo pagare tasse e e non avere servizi, cittadini stanchi per mantenere i servizi. Dobbiamo cambiare passo». Infine Allegria (Uil) si è concentrato sulla politica ospedaliera e sanitaria, dicendo che i sindacati saranno attenti e seguiranno ciò che è stato accordato.