Lavoratori della Kern di Sansepolcro in presidio dinanzi i cancelli dell'azienda

Kern: presidio dei lavoratori davanti ai cancelli dell’azienda

SANSEPOLCRO – Ancora una situazione di crisi ed incertezza sul futuro di altri lavoratori della valtiberina: in questo caso, al centro dell’attenzione, è la  difficile situazione che riguarda i dipendenti della Kern, azienda di proprietà svizzera, con uno stabilimento anche a Sansepolcro.

Proprio questa mattina, i lavoratori dello stabilimento assieme ai familiari, hanno intrapreso un presidio dinanzi ai cancelli dell’azienda per chiedere che finalmente si risolva l’attuale situazione di crisi. Da febbraio infatti, i lavoratori dell’azienda non hanno più ricevuto stipendio, e finora, nonostante i solleciti delle sigle sindacali, la situazione è ferma.

“Ma non è soltanto la situazione salariare a preoccuparci. – sottolinea Alessandro Tacchi, segretario provinciale della Fiom Cgil – L’ultimo incontro avuto con i vertici italiani di Kern non ha prodotto alcun elemento di tranquillità. Non abbiamo certezze sul futuro dello stabilimento di Sansepolcro e quindi sulla situazione occupazionale dei suoi 35 addetti, ai quali si aggiungono anche i 15 di Assago.”

Ed è proprio questo il motivo del sit-in, continua Tacchi, per chiedere “l’incontro con il presidente della società per risolvere il problema stipendi e per avere garanzie sul futuro dello stabilimento”