San Giustino: venerdì si premia il concorso fotografico “Da un altro punto di vista”

SAN GIUSTINO – Dopo il successo inaspettato di adesioni e la successiva selezione delle numerose immagini, venerdì 2 ottobre alle 17.30, nella sala consiliare del Comune si terrà la premiazione del concorso fotografico “Da un altro punto di vista” un evento organizzato e promosso dall’Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti – Onlus, consiglio regionale dell’Umbria, con la collaborazione del Polo Museale dell’Umbria e del Comune di San Giustino. Seguirà la visita guidata alla mostra allestita presso la sala dei ritratti di Castello Bufalini.
Il bando, diretto ad utenti ciechi ed ipovedenti, ha raggiunto due obiettivi importanti: mettere in risalto le capacità fotografiche di chi ha disabilità visive e far conoscere al pubblico il modo “alternativo”di vedere la natura.
Il concorso, bandito lo scorso 14 luglio, ha avuto un’adesione inaspettata. La selezione delle immagini ad opera di una giuria formata da esperti e rappresentati delle istituzioni promotrici del concorso, è stata molto complessa sia per l’alta qualità delle immagini sia per il numero delle foto da giudicare. Una vera soddisfazione per chi ha creduto fin dall’inizio alla “sfida” che implicitamente poneva questo bando. Per far comprendere meglio il particolare “punto di vista” dei fotografi non professionisti, il concorso prevedeva anche una breve descrizione dell’operazione preliminare che ha portato alla realizzazione di ogni singolo scatto.
Come ha spiegato Francesca Sbianchi, presidente dell’Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti Onlus-Consiglio Regionale Umbria “Chi ha disabilità visive riesce a percepire il soggetto da fotografare attraverso gli altri sensi. In alcuni casi addirittura non vedenti si fanno guidare nei luoghi che conoscono e fotografano attraverso il ricordo. Ogni esperienza è diversa e suggestiva perché ogni scatto è frutto di un lavoro propedeutico fatto di sensazioni che portano solo come ultima azione quella dello scatto finale. Per questo è stato chiesto ai partecipanti al concorso di allegare un testo all’immagine, affinché la giuria potesse entrare a pieno nell’esperienza personale che ha prodotto l’immagine”.
“All’interno della sala ritratti di Castello Bufalini – precisa Marco Pierini, direttore del Polo Museale dell’Umbria – saranno visibili fino al 1 novembre le 12 foto vincitrici del concorso. Il giorno della premiazione, tutti gli intervenuti potranno visitare il Castello e vedere in anteprima questa piccola ma significativa mostra fotografica.
La nostra collaborazione alla realizzazione del concorso è dovuta non solo alle attività che il Ministero va svolgendo in diverse forme per un pieno accesso dei diversamente abili al patrimonio culturale, ma anche alle peculiarità del Castello, sede ottimale per mostre temporanee e in particolar modo legate al tema della natura. Per secoli, infatti, non solo i prodotti dell’agricoltura sono stati il fulcro delle attività economiche della famiglia Bufalini, ma il museo stesso è al centro di un giardino che era allo stesso momento luogo di svago – con il percorso attraverso il labirinto, il roseto e i viali ingentiliti dal bosso sapientemente sagomato – e di attività economica – con la limonaia, il frutteto e la ragnaia”.
“Come amministrazione comunale – sottolinea Milena Crispoltoni, assessore alla Cultura del Comune di San Giustino – siamo orgogliosi di aver partecipato, fornendo tutto il supporto logistico ed organizzativo, alla realizzazione del concorso e alla successiva mostra fotografica. Un modo per fornire il nostro contributo alle attività dirette agli utenti con disabilità e un’occasione per conoscere un modo diverso di cogliere gli aspetti più belli della natura che ci circonda”.