Medem festeggia 19 anni di attività tra i finalisti della rassegna di teatro contemporaneo “Stazioni di emergenza”

CITTÀ DI CASTELLO –  Grande soddisfazione per la nuova produzione della compagnia tifernate Medem che festeggia i 19 anni di attività con questa importante partecipazione alla rassegna “Stazioni di emergenza”, una delle più interessanti vetrine per il teatro emergente contemporaneo. Lo spettacolo andrà in scena a Napoli alla Galleria Toledo, storico teatro nel cuore dei quartieri spagnoli il 20 dicembre dopo aver debuttato nei teatri Papini di Pieve Santo Stefano e Alla Misericordia di Sansepolcro.

La pièce scritta e interpretata da Irene Bistarelli, Marta Bistarelli e Giovanna Guariniello e diretta da Enrico Paci, nasce da un lavoro di drammaturgia scenica sugli archetipi femminili a partire da Barbie (celebre bambola della Mattel) che a marzo 2019 ha compiuto 60 anni. Le coreografie sono di Paolo Rosini, costumi di Paola Biagioli.

Il 9 marzo 1959 nasceva Barbie, una bambola di plastica che è diventata in 60 anni un mito, uno stereotipo, un nuovo archetipo femminile. Abbiamo messo in relazione il mondo di Barbie con quello di altri archetipi: da Elena di Troia a Salomè, da Penelope a Nora di “Casa di bambola”. Ne è nata una sorta di indagine sull’universo femminile -e su come viene raccontato- fatta di giustapposizioni e contrapposizioni, non condizionata dalla ricerca di
messaggi da far passare o da una visione predeterminata.
E’ un gioco di plastica, ma che racconta di passioni e debolezze, di carne e di spirito, di paura e tenacia, di gioie e fatiche dell’essere donna.