fbpx

Inizio con successo e in totale sicurezza alla Rocca per la seconda edizione di “Umbertid’Arte”: la vita culturale riparte con le opere di ventuno artisti umbertidesi

UMBERTIDE – E’ stato un debutto oltre ogni aspettativa e in totale sicurezza quello della seconda edizione di “Umbertid’Arte”, la mostra che vede ospitate le opere di ventuno artisti umbertidesi di nascita e di adozione organizzata dal Comune di Umbertide con la quale è stato dato avvio alle attività della Rocca-Centro per l’arte contemporanea dopo sei mesi di stop.

Notevole è stato l’accesso, regolato dagli instancabili e sempre preziosi volontari del Gruppo Comunale di Protezione Civile, presso l’antica fortezza medievale di tanti umbertidesi che hanno voluto passare un pomeriggio ad ammirare le realizzazioni dei loro concittadini artisti.

All’apertura della mostra hanno preso parte il sindaco Luca Carizia, l’assessore alla Cultura, Sara Pierucci, l’assessore Francesco Cenciarini, il consigliere comunale Ettore Spatoloni che ha curato l’allestimento insieme a Vittorio Dragoni e il professor Giorgio Bonomi, uno dei più longevi e qualificati curatori e organizzatori di mostre in Italia, che da anni collabora con la Rocca-Centro per l’arte contemporanea.

“La seconda edizione di ‘Umbertid’Arte’ vuole essere non solo un tributo ai nostri artisti locali ma anche un segno di ripartenza e di fiducia visto il periodo drammatico che stiamo vivendo – ha detto il sindaco Carizia – Come prima giornata abbiamo assistito a un interesse enorme da parte di tanti concittadini perchè gli artisti della nostra città hanno coinvolto anche in maniera diretta tanta gente. E’ una cosa bella perchè ne abbiamo veramente bisogno. ‘Umbertid’Arte’ è una iniziativa che ogni anno deve essere riproposta. Ringrazio l’assessore Pierucci, il consigliere Spatoloni e Vittorio Dragoni per l’impegno profuso e tutti gli artisti che hanno dato il loro contributo. Le opere esposte sono veramente molto interessanti e per questo invito i nostri concittadini a venirle ad ammirare”.

“Il percorso che ha portato a ‘Umbertid’Arte 2’ è stato lungo e molto proficuo perchè anche quest’anno gli artisti umbertidesi hanno dato il loro meglio per questa bellissima mostra – ha dichiarato l’assessore Pierucci – Due sono le opere che arricchiscono la seconda edizione della mostra. La prima sono le due opere realizzate dagli studenti della II E della scuola media ‘Mavarelli-Pascoli’ e l’altra è un tavolo artistico ad opera dei ragazzi ospiti del ‘Centro Arcobaleno’ e dall’associazione ‘Oltre la parola’”.

“Dopo trenta anni – ha affermato il consigliere Spatoloni – abbiamo pensato che Umbertide avesse la necessità di un evento culturale che potesse ospitare le opere dei tanti appassionati di pittura che ci sono in città. L’auspicio è che questo evento possa diventare una tradizione, così come è stato il premio nazionale di pittura ‘Fratta’. Dopo un anno di stop a causa dell’emergenza Covid abbiamo notato che c’è stato molto interesse soprattutto dai giovani artisti”.

Queste le parole del professor Bonomi: “Ancora una volta Umbertid’Arte’ è stata una graditissima sorpresa, che mostra un alto livello degli artisti umbertidesi e una pluralità di interessi e di stili. Questo fa ben sperare anche per le prossime generazioni”.

Gli artisti presenti alla seconda edizione di “Umbertid’Arte” sono: Alessio Accalai, Jil Cuthberg, Emilio Leonardi, Sandro Epi, Giada Sonaglia, Irene Dragoni, Posy Abbot, Debora Marinari, Martina Monini, Giampaolo Monsignori, Vera Tamburini, Antonio Renzini, Paola Panzarola, Ettore Spatoloni, Daniela Damiani, Valeria Roselli, Bruno Anitori, Fausto Cambiotti e Silvia Moretti.

Inoltre quest’anno “Umbertid’Arte” ospita l’opera “Insieme”, realizzata durante il laboratorio artistico dagli ospiti del Centro Socio Riabilitativo Educativo Arcobaleno. Tutto è iniziato da un gioco. Un fiore “strano”, probabilmente esistente in qualche luogo recondito del nostro pianeta, ha dato vita a quest’opera. Ogni ospite del Centro si è espresso con un fiore, unico nella forma e nel colore, creando un valore altamente simbolico. Il titolo dell’opera rispecchia l’unicità di ognuno degli artisti ed esalta il legame che c’è tra ogni componente.

Sono presenti anche due sculture (“Starry sky, cielo stellato” e “NASA, come il pianeta Saturno”) realizzate dai ragazzi della classe II E della scuola media “Mavarelli-Pascoli” durante l’anno scolastico 2020-2021 nel corso del laboratorio creativo organizzato dalla professoressa Sonia Costantini.

Un ulteriore regalo ai visitatori di “Umbertid’Arte” è la possibilità di ammirare le ventuno opere della prestigiosa “Donazione Ciangottini”, che custodisce pezzi di Luca Baldelli, Duilio Barnabè, Renato Biroli, Mario Brasa, Aldo Borgonzoni, Giovanni Ciangottini, Bice Lazzari, Mino Maccari, Angelo Maggia, Luciano Minguzzi, Enrico Ricci, Giulia Rizzoli, Ilario Rossi, Toti Scialoja.

La seconda edizione di “Umbertid’Arte” sarà visibile fino al 6 giugno dal martedì alla domenica dalle 10.30 alle 12.30 e dalle 16.30 alle 18.30. Chiuso il lunedì. Per informazioni è possibile contattare il numero 0759413691.

All’ingresso e all’interno della Rocca sono presenti cartelli informativi con tutte le regole anti contagio che devono essere seguite. E’ obbligatorio indossare la mascherina e rispettare il distanziamento interpersonale. Sono presenti inoltre contenitori con gel igienizzante per le mani.