San Domenico Affresco di Aldo Riguccini

Iniziati i lavori di restauro dell’affresco raffigurante San Domenico all’omonima chiesa

CITTÀ DI CASTELLO – Sono iniziati i lavori di restauro del dipinto murale esterno firmato Aldo Riguccini, collocato sulla lunetta laterale della chiesa di San Domenico, prospiciente via Luca Signorelli. Il 21 novembre 1942 fu inaugurato l’affresco raffigurante San Domenico, ma già poco tempo dopo, fu sporcato da un gruppo di cittadini a cui non piaceva. Subito ripulito, da allora nessun altro intervento è stato realizzato.

A quasi settanta anni dalla sua realizzazione, l’opera si presentava ormai in mediocre stato di conservazione, per questo si è reso urgente il bisogno di lavori di restauro. Avvicinandosi l’inizio delle celebrazioni in onore di Beata Margherita, la parrocchia di San Domenico si è posta come obbiettivo il recupero di questo dipinto, per preservare la memoria, come frutto della fede e della devozione del popolo tifernate.

San Domenico affresco di Aldo Riguccini esterna porta
L’affresco sopra la porta laterale della chiesa di San Domenico

La Prefettura e la Soprintendenza alle Belle Arti, ognuna per le proprie competenze, hanno rilasciato i permessi, riconoscendo l’importanza dei lavori di conservazione dell’opera. Il restauro curato dalla dott.ssa Laura Zamperoni, restauratore abilitato, si concluderà il mese prossimo. Infatti, il 29 aprile, al termine della S. Messa in onore di Santa Caterina da Siena Patrona d’Italia, verranno presentati alla città i lavori di restauro.

Questa iniziativa è stata resa possibile da uno sforzo collettivo che ha visto alcuni cittadini ed associazioni collaborare.  L’opera è stata finanziata dal Rotary Club di Città di Castello, che ha subito condiviso il progetto permettendo la concreta realizzazione. Si ringrazia l’Associazione per la Tutela dei Monumenti Alta Valle del Tevere, per il contributo scientifico fornito.

L’anno 2020 è un momento importante per la Diocesi di Città di Castello, infatti inizieranno le celebrazioni per il 700 anniversario della morte di Beata Margherita, il cui corpo è custodito sotto l’altare maggiore della Chiesa di San Domenico. Iniziare con questo segno ci sembra molto significativo, a testimonianza che la memoria e la fede verso Beata Margherita sono vivi nelle comunità tifernate.