Il fascino di riscoprire la storia di San Giustino con i “Venerdì della Cultura”

SAN GIUSTINO – Si è conclusa la rassegna “I Venerdì della Cultura”. Gli incontri, che si sono succeduti da metà aprile a metà giugno, hanno saputo affrontare con specificità, ma anche con accessibilità ad ogni fascia di pubblico, il forte legame che il Comune testimonia nel panorama artistico e storico di questa parte del centr’Italia, con approcci personalizzati da parte dei relatori che hanno saputo fondere aneddoti con vere e proprie lezioni magistrali. «I Venerdì – ha spiegato Milena Crispoltoni, assessore alla cultura – hanno ricordato, attraverso i relatori, anche il fascino unico di questa parte della Val Tiberina, già assurta con Plinio il Giovane a buen ritiro. Sempre dagli scritti di Plinio sono stati mutuati gli schemi del giardino rinascimentale e tardo rinascimentale, che la stessa Villa Graziani testimonia nelle proporzioni numeriche e nella flora, con la grazia e l’armonia  che sintonizzano l’uomo alla natura. Non è mancato il contemporaneo espresso con il pregevole studio della medaglistica – settore non minore delle arti, ancora molto da approfondire e valorizzare – che ha saputo ricostruire il lungo secolo breve degli avvenimenti a noi più vicini».