I cavalli di Leonardo Da Vinci fra la Toscana e la Lombardia

ANGHIARI – Nel 2019 da maggio a novembre all’interno dell’Ippodromo del Galoppo di Milano sarà possibile vivere esperienze sui disegni di Leonardo Da Vinci a cura del Museo della Battaglia e di Anghiari. Questa la notizia riportata dal Corriere della Sera qualche giorno fa. L’iniziativa è promossa dal Comune di Milano, da Snaitech (che sosterrà l’iniziativa) e dal Museo di Anghiari ed è uno degli eventi organizzati per celebrare i cinquecento anni dalla morte di Leonardo Da Vinci.

All’Ippodromo di Milano si trova una statua equestre monumentale che a molti piace chiamare “la statua postuma di Leonardo”, di cui spesso si è sentito parlare. In realtà si tratta di una realizzazione dall’artista statunitense Nina Akamu promossa dal Sig.Charles Dent che venne donata alla città lombarda nel 1999. La statua rappresenta il sogno, mai concretamente realizzato, del genio di Vinci: creare un monumento equestre gigantesco in onore di Francesco Sforza.

Il “Cavallo di Milano” è il risultato di un progetto contemporaneo sorprendente, veramente maestoso, ispirato da bozzetti e da studi di fine XV secolo. In questo momento l’Ippodromo di San Siro è al centro di numerosi piani di sviluppo e miglioramento, mentre la valorizzazione della statua rappresenta uno dei punti di forza della zona.

“Il ruolo del Museo della Battaglia e di Anghiari in questa iniziativa – ci ha spiegato il direttore Gabriele Mazzi – sarà quello di raccontare l’arte di Leonardo Da Vinci attraverso la rappresentazione del cavallo. Ancora è presto per svelare ciò che verrà allestito presso i locali immediatamente adiacenti al monumento, ma ci saranno aggiornamenti, il 2019 è vicino”.