Ecclesia Card, dopo Monterchi e Sansepolcro anche Anghiari sarà convenzionato con Città di Castello

CITTÀ DI CASTELLO – Numerosi sono i turisti che si presentano al front office del Museo diocesano tifernate con i biglietti acquistati ai Musei Civici Madonna del Parto di Monterchi ed inseriti nella Ecclesia card pacchetto di promozione turistica valida in Umbria e Toscana. La convenzione con il Comune di Monterchi è stata siglata il 17 settembre 2019 alla presenza del sindaco Alfredo Romanelli e di Manuela Malatesta, Assessore alle Politiche culturali e sta già dando risultati importanti. Oltre quello con Monterchi, importante anche l’accordo precedente con il Museo Civico di Sansepolcro, rinnovato nel 2017 ma già siglato nel 2009.

Ecclesia Card

Le convenzioni tra musei consentono al visitatore in modo semplice e veloce, una riduzione sul prezzo del biglietto di ingresso. Acquistando il ticket in una prima sede museale è possibile usufruire della riduzione nelle altre strutture convenzionate semplicemente esibendo il biglietto che verrà datato e vidimato al front-office. La possibilità di usufruire della riduzione non ha un limite temporale.

Questi accordi fanno parte del pacchetto di offerta della Carta ecclesia che prevede le stesse agevolazioni in tutti i Musei Ecclesiastici Umbri MEU, i Musei di Città di Castello, Citerna, San Giustino, Montone ed Umbertide. Per un totale di 24 strutture museali civiche ed ecclesiastiche, pubbliche e private.

Lo scopo della convenzione è prima di tutto quello di proporre un’offerta culturale volta alla conoscenza di più territori la cui storia risulta essere vicina e collegata in modo da contribuire così allo sviluppo e alla movimentazione turistica in più città e nel territorio Altotiberino umbro e toscano, garantendo una positiva ricaduta in termini di presenze ed iniziative in rete per un territorio vasto e articolato.

Catia Cecchetti

Per questo motivo – precisa Catia Cecchetti, direttrice del museo diocesano tifernate – verrà a far parte del pacchetto Ecclesia anche il Museo della Battaglia e di Anghiari che ha come cardine del suo percorso espositivo la parte dedicata appunto alla battaglia che narra l’incompiuta rappresentazione pittorica di Leonardo da Vinci e l’importanza storica del fatto d’armi. Martedì 10 marzo prossimo alle ore 11.00 presso il Salone Gotico del Museo verrà presentata alla stampa l’accordo di convenzione per l’ingresso per la prima volta di questo museo anghiarese nel pacchetto promozionale diocesano. Ad illustrare l’accordo l’Economo Gian Franco Scarabottini ed il Sindaco del Comune di Anghiari Alessandro Polcri oltre che il Direttore Museo della Battaglia, Gabriele Mazzi.

“Segnale importante – precisa Catia Cecchetti – di apertura per un collegamento in rete sempre più esteso in grado di garantire anche una programmazione culturale in grado di veicolare turisti ma anche cittadini residenti alla scoperta del nostro patrimonio storico artistico straordinariamente ricco.”