Danilo Rea in concerto nella stagione primaverile del Festival delle Nazioni

CITTA’ DI CASTELLO – L’attesissimo concerto di Danilo Rea, in programma giovedì 2 maggio  alle ore 21 al Teatro degli Illuminati di Città di Castello, chiuderà la prima edizione della Stagione primaverile del Festival delle Nazioni. Impossibile prevedere l’esatto programma musicale dell’osannato pianista, che, come ormai d’abitudine siederà al pianoforte davanti al suo pubblico per improvvisare su temi e brani tratti dai repertori più disparati, ma sempre riconoscibili, attingendo dalla classica a Fabrizio De Andrè, dalle colonne sonore del cinema alle canzoni di Beatles e Rolling Stones. L’ingresso al concerto, realizzato in collaborazione con Umbria Jazz, è libero fino a esaurimento dei posti disponibili.

Nato a Vicenza quasi per caso, Danilo Rea è romano, ma non d’adozione. È romano perché la sua storia in musica nasce a Roma, tra le pareti di casa sua, dove l’incanto per i vecchi vinili di Modugno è più forte, già da piccolissimo, di qualsiasi divertimento: il vero gioco è suonare il piano, il vero incanto è la musica, il vero sogno è la melodia, il vero abbandono è nell’armonia. E la passione diventa studio al Conservatorio di Santa Cecilia, dove si diploma in pianoforte con il massimo dei voti e dove insegna nella cattedra di jazz fino al 2017. Studi classici, rock e pop influenzano la sua formazione e convergono attraverso il jazz, la sua vera passione, in uno stile inconfondibile e unico composto di due ingredienti fondamentali: melodia e improvvisazione.

I suoi concerti di piano solo, con le sue improvvisazioni che spaziano su qualsiasi repertorio, conquistano le platee di tutto il mondo: oltre a essere il primo jazzista ad avere un concerto di piano solo alla sala Santa Cecilia dell’Auditorium Parco della Musica (nel 2003), nel 2006 è protagonista di un memorabile concerto al Guggenheim Museum di New York. É tra i pochi italiani a essere menzionato nella più accreditata enciclopedia globale del jazz The Biographical Encyclopedia of Jazz di Leonard Feather e Ira Gitler. Ad oggi, la sua attività concertistica prosegue prolifica con tournée in Italia e all’estero. Nell’aprile 2018 viene pubblicata da Rai Eri la sua biografia, dal titolo Il jazzista imperfetto, scritta da Danilo Rea insieme a Marco Videtta.

Per informazioni: 075 8521142, www.festivalnazioni.com