Con il Coro giovanile e di voci bianche Octava Aurea si è concluso « Pasqua tra Umbria e Toscana 2019»

CITTA’ DI CASTELLO – Si è chiuso con il concerto «Pardon, j’ai pas bien compris», domenica 19 maggio, a Città di Castello, nel Salone Gotico del Museo Diocesano il programma Pasqua tra Umbria e Toscana 2019.

Ad esibirsi il Coro giovanile e di voci bianche Octava Aurea diretto da Mario Cecchetti con il Maestro collaboratore Klara Luznik. Al pianoforte Mailis Pold. Numeroso il pubblico presente con anche la rappresentanza del Comune di Città di Castello: l’Assessore alle Politiche scolastiche Rossella Cestini e l’Assessore alle Politiche Sociali Luciana Bassini.

A portare i saluti l’ideatrice e organizzatrice dell’iniziativa Catia Cecchetti che ha ringraziato la Scuola Comunale di musica “G. Puccini per l’impegno profuso in questa edizione. Tutti e otto i concerti hanno avuto largo consenso di pubblico, in tutti i comuni interessati dell’Alto Tevere Umbro e Toscano. La formula collaudata da tempo ha visto confermare le aspettative di coloro che amano la musica pensata in luoghi di straordinario interesse storico-artistico.

Quest’anno sono stati i seguenti gli spazi coinvolti: a Citerna la Chiesa di San Francesco, a Sansepolcro l’ Auditorium di Santa Chiara, a Montone il Museo di San Francesco, ad Umbertide la Chiesa di Cristo Risorto, a Monte Santa Maria Tiberina Palazzo Bourbon del Monte, a Sangiustino la Chiesa di Pitigliano e a Pietralunga Pieve de’ Saddi. I partecipanti, cittadini residenti ma anche turisti hanno seguito gli eventi scoprendo le ricchezze culturali del territorio umbro e toscano. L’iniziativa si chiude brillantemente e l’appuntamento va all’estate con l’edizione di Chiostri Acustici tra Umbria e Toscana 2019.