“Castelli d’Aria” col maestro spagnolo Pedro Antonio Sanchez ed un prezioso organo del 1889

CAGLI – La rassegna “Castelli d’aria – Itinerari organistici nella Val Metauro” torna quest’anno a Cagli, che vanta un’interessantissima storia anche dal punto di vista musicale ed organario. Protagonista della serata di venerdì 15 settembre (ore 21, ingresso gratuito) sarà l’organo che si trova attualmente nella Cattedrale di Santa Maria Assunta, costruito da Angelo Morettini nel 1889. Si tratta di uno strumento pneumatico a due tastiere, di ispirazione francese, che ha due “fratelli” a Roma nella basilica di San Giovanni in Laterano, progettati dal compositore Filippo Capocci. Uno strumento dunque di grande pregio che consentirà al pubblico di ascoltare un repertorio di particolare interesse. L’interprete non è di minor rilievo: si tratta dello spagnolo Pedro Antonio Sanchez, Maestro di Cappella del Monastero Reale di “El Escorial”, che valorizzerà le preziose sonorità dello strumento con brani di celebri autori di repertorio (Mendelssohn e Franck) e spagnoli di non minor interesse (Guridi, Corell). Una video proiezione, su schermo predisposto in Chiesa, favorirà la partecipazione del pubblico, che potrà seguire in diretta il lavoro dell’organista in cantoria.