Burri, con “Grande legno rosso” a New York si spera in un nuovo record

NEW YORK – Tutto pronto nella Grande Mela per l’asta che potrebbe far registrare un nuovo record di vendita per l’artista tifernate Alberto Burri. Il suo monumentale “Grande legno e rosso” sarà la punta di diamante dell’asta in programma domani da Phillips “20th Century & Contemporary Art”, che si terrà giovedì 15 novembre.

La stima dell’opera è già di per sé da record: si parte infatti con una base d’asta tra i 10 e i 15 milioni di dollari. Ricordiamo che ad oggi il record per la vendita di un’opera di Burri si “fermò” a 13.150.663 dollari, e vide protagonista il grande “Sacco e Rosso” datato 1959 e venduto, nel 2016 da Sotheby’s a Londra.

A volersi aggiudicare il nuovo record è in primis Hugues Joffre, Senior Advisor Phillips che ha definito il “Grande legno e rosso” un “ottimo esempio di uno dei periodi più celebri di Burri. Un’immagine di qualità eccezionale, la vendita di Grande legno e rosso rappresenta un’entusiasmante opportunità per i collezionisti di arte italiana del dopoguerra di acquisire un vero capolavoro dal lavoro di Burri».

Un’opera monumentale, quella del maestro tifernate, che domani sera sarà sicuramente protagonista dell’arte newyorkese: Burri la realizzò tra il 1957 e il 1959, quando già la sua fama aveva toccato l’internazionalità ed esponeva le sue opere nelle maggiori gallerie italiane, europee e d’oltre oceano. Un’opera di dimensioni ragguardevoli, con i suoi 150×250 cm, che rappresenta anche uno dei primi esempi dove l’artista tifernate sperimenta la fiamma accanto al legno, e rientra nella celebre serie delle Combustioni e Legni che caratterizzarono il decennio artistico di Burri.

La prima apparizione al pubblico di “Grande legno e Rosso” avvenne a Roma, presso la Galleria La Tartaruga: qui fu acquistata dagli attuali proprietari e non fu più esibita al pubblico fino al 2015 quando l’opera fu esposta nella celebre retrospettiva dedicata a Burri nell’anno del suo centenario al Solomon R. Guggenheim Museum di New York.