Al via il «Dicembre Organistico Tifernate»

CITTA’ DI CASTELLO – La Schola cantorum “Anton Maria Abbatini”, in collaborazione con l’Ufficio cultura della Diocesi e le parrocchie del centro storico, presenta l’edizione 2018 del «Dicembre Organistico Tifernate», dedicato alla memoria dell’indimenticato padre Giorgio Catalani ofm, ideatore e promotore iniziale della manifestazione.

L’iniziativa si propone, quest’anno, la valorizzazione dei diversi strumenti presenti in alcune chiese del centro storico della città ed in particolare l’organo «Martinelli» (1842) della cattedrale; l’organo «Polinori» (1763) di San Francesco e l’organo «Giustozzi-Pinchi» (1951-1981) del Santuario della Madonna delle Grazie.


Infatti il programma di quest’anno è stato pensato non solo per la valorizzazione delle diverse chiese della città e dei preziosi strumenti in esse presenti, ma soprattutto per proporre all’ascoltatore un percorso sonoro su tre strumenti di concezione sia stilistica che costruttrice completamente diversi, ognuno prodotto del suo secolo, con le sue caratteristiche, i suoi colori ed i suoi timbri. L’edizione 2018 prevede quattro appuntamenti che vedranno l’alternarsi di diversi artisti di chiara fama che si esibiranno domenica 2, sabato 8, in occasione della ricorrenza dell’Immacolata Concezione, per proseguire domenica 16 e 23 dicembre, sempre alle 17. Il primo concerto si terrà come detto, domenica 2 dicembre a partire dalle 17, nella Cattedrale dei Santi Florido e Amanzio, tenuto dal maestro Adriano Falcioni (organista titolare della Cattedrale di San Lorenzo in Perugia) con un programma dal titolo “Variazioni Europee” e con l’esecuzione di brani di G. Frescobaldi, C. Arauxo, L. Daquin, J.S. Bach, S. Scheidt e G.F. Haendel.