Sorvegliato speciale picchiato in strada: soccorso e poi arrestato dai carabinieri

CITTA’ DI CASTELLO – Non doveva uscire di casa in orario serale e notturno, invece, un pregiudicato italiano di 40 anni, da tempo residente a Città di Castello, ha violato le prescrizioni imposte dalla misura cautelare e, dopo esser stato picchiato, è stato soccorso, e poi arrestato dai carabinieri.  L’episodio è avvenuto la notte tra sabato e domenica. I militari sono intervenuti in una strada del centro poiché era stato segnalato un uomo a terra. Giunti sul posto insieme al 118, i militari hanno accertato che l’uomo da soccorrere era per il 40enne, ben noto alle forze dell’ordine per i suoi trascorsi penali. Proprio per i suoi precedenti il Tribunale di Perugia aveva emesso a suo carico la misura di prevenzione della sorveglianza speciale di pubblica sicurezza, con obbligo di soggiorno nel Comune di residenza. Tra le prescrizioni imposte dalla misura vi è quella di non poter uscire di casa in orario serale e notturno. I carabinieri, anche grazie alla testimonianza di alcuni passanti, hanno accertato che il 40enne era stato poco prima avvicinato in strada e colpito con alcuni pugni da un altro uomo, anch’egli subito identificato dai militari. Trasportato al pronto soccorso, il sorvegliato speciale è stato ricoverato in osservazione con una prognosi di 15 giorni. Per la violazione agli obblighi imposti dalla misura di prevenzione l’uomo è stato arrestato e, una volta dimesso, trasferito in camera di sicurezza. Questa mattina, presso il Tribunale di Perugia, il Giudice ha convalidato l’arresto ed ha disposto, in attesa del processo, la misura cautelare della custodia in carcere. Il 40enne, tra l’altro arrestato meno di un mese fa, sempre dai carabinieri e sempre per il medesimo reato, è stato tradotto presso il carcere di Perugia.