Semina in panico in un bar: denunciato un 28enne

UMBERTIDE – Al termine di una rapida indagine, personale del Commissariato di Polizia di Città di Castello individuava e deferiva all’Autorità Giudiziaria un soggetto che, qualche notte fa, si è reso responsabile, nel centro storico di Umbertide, di un’aggressione perpetrata nei confronti di una donna e del danneggiamento di un bar cittadino.

L’aggressore, un cittadino straniero di 28 anni, da tempo residente in zona, veniva visto aggredire una ragazza la quale non riusciva a sottrarsi all’uomo, tanto che gli avventori di un bar delle vicinanze, notata la scena, accorrevano in aiuto della donna, richiedendo attraverso il 113 l’intervento di una pattuglia della Polizia di Stato.

Nella circostanza l’uomo si avventava anche contro le persone intervenute in difesa della ragazza, minacciandole brandendo un pezzo di vetro quindi, dirigendosi verso il vicino bar, creando paura e scompiglio fra i clienti scaraventando un tavolo in strada e lanciando una sedia contro la vetrata dell’esercizio commerciale infrangendola.

Le persone all’interno del bar cercavano in ogni modo di serrare l’ingresso chiudendo la porta principale ma il cittadino straniero riusciva ad entrare con violenza, scatenando la sua furia contro tutto ciò che gli capitasse a tiro, rovesciando piatti e bicchieri, cercando di scagliare un grosso vaso in vetro contro le persone presenti, aggredendo una barista che con coraggio riusciva a strappargli di mano l’oggetto contundente e per questo motivo fatta bersaglio di botte, offese e sputi.

L’immediata indagine ha permesso di identificare l’uomo e deferirlo all’Autorità Giudiziaria per il reato di lesioni dolose, danneggiamento aggravato, minaccia aggravata e ubriachezza manifesta.

Inoltre, in ragione del comportamento tenuto, è stato sanzionato per aver violato le norme comportamentali relative alla diffusione Covid-19.