Ritrovate le opere trafugate in Collegiata: torneranno ad Umbertide il 15 agosto

UMBERTIDE – Erano stati rubati a maggio, ora, grazie ai carabinieri di Umbertide, i reliquiari ed il busto della Vergine torneranno nella Collegiata.

I preziosi oggetti umbertidesi, sottratti a due giorni di distanza, sono stati ritrovati a Tolentino e Macerata già a maggio, ma la notizia è stata diffusa solo adesso a causa di indagini più ampie ancora in corso e che hanno coinvolto anche gli uomini del Tutela Patrimonio Culturale dell’Arma.

Dopo il furto i militari ascoltarono un’anziana che aveva notato uscire dalla Collegiata un uomo con fare sospetto ed un borsone. L’uomo era salito a bordo di un’automobile e la signora riuscì a fornire ai militari alcuni numeri di targa.

Il 19 maggio i carabinieri sono riusciti a ritrovare sia i reliquiari e le altre opere: ma dall’episodio ha preso il via una più ampia azione investigativa, che ancora si non conclusa, e coordinata dalle Procure di Perugia, Macerata e Ascoli Piceno, riguardante molti altri oggetti d’arte rubati in varie città.

Per il furto in chiesa è indagati un uomo di origine sarda, mentre due marchigiani per ricettazione o incauto acquisto.

Dalla Collegiata furono rubati due reliquiari a forma di braccio, un terzo reliquiario a forma di urna contente l’osso di un braccio di San Erasmo, (reliquia vecchia di oltre mille anni, appartenente ad uno dei santi patroni della città e assai preziosa), una statua del Pio Pellicano (simbolo dell’Eucarestia) ed un busto della Madonna, opere databili attorno al 1600.

Le opere torneranno ad Umbertide, giovedì 15 agosto, festa dell’Assunzione della Madonna, durante la messa solenne delle 11.30. Grande è la gioia del parroco, monsignor Vispi: «Anticipo fin da ora all’Arma dei carabinieri stima e gratitudine per lo splendido lavoro».