Città di Castello, denunciato per maltrattamento: aveva nascosto nel furgone due cuccioli di cane di 70 giorni

CITTA’ DI CASTELLO – Erano partiti dall’Ucraina con destinazione Napoli, ma sono stati bloccati dai carabinieri, che hanno salvato due cuccioli di pastori del Caucaso e denunciato uno straniero per maltrattamento di animali. Il blitz è avvenuto ieri notte lungo al E45, all’altezza dell’uscita per Promano in direzione nord. I militari durante i controlli del mezzo, con a bordo 6 persone e le relative valigie, hanno trovato nel bagagliaio due gabbiette per gatti dove erano rinchiusi i cuccioli, di appena 70 giorni, ma già dal peso di oltre 10 chilogrammi. Subito sono scattate le procedure del caso. I carabinieri hanno contattato il servizio veterinario dell’Asl. Gli specialisti, non senza fatica, sono riusciti a far uscire dalle gabbie i cuccioli (un esemplare maschio e uno femmina) e li hanno accuditi, dando loro da bere e da mangiare. Nel frattempo i militari hanno cercato di capire il motivo della presenza dei cani sul furgone, e il conducente ha spiegato che gli animali erano i suoi e li avrebbe regalati a un suo amico residente in Campania. Per l’uomo è scattata la denuncia per maltrattamento di animali. Mentre i due cuccioli sono stati subito sequestrati e accompagnati nel canile sanitario della Asl, dove i veterinari hanno effettuato tutti i controlli del caso e dando loro le prime cure. Gli animali non erano, infatti, vaccinati,solo uno dei due aveva un microchip e non avevano ancora l’età adatta per affrontare un viaggio simile.