Città di Castello, carabinieri denunciano tre persone per truffa: erano riusciti a “spillare” migliaia di euro

CITTA’ DI CASTELLO – Erano riusciti a mettere in piedi una truffa da migliaia di euro, fingendo la vendita di computer, videocamere e addirittura una motocicletta. Ma alla fine sono stati scoperti e denunciati dai carabinieri della stazione di Trestina. A finire nei guai un quarantaduenne siciliano, un ventiduenne di Padova e una cinquantunenne di Bastia Umbra, tutti con precedenti penali alle spalle. Il sistema era tanto facile, quanto redditizio: i tre avevano messo in vendita i prodotti in un sito internet di compra vendita. E proprio qua tre tifernati hanno notato gli oggetti. E così nata una lunga trattativa, durata da luglio a settembre, per l’acquisto dei pc, delle videocamere e della moto. E durante lo scambio di mail e telefonate, i truffatori sono riusciti a farsi accreditare, in momenti diversi, delle consistenti somme di denaro senza però mai consegnare il dovuto. Poi improvvisamente dei tre venditori nessuna traccia: non erano più rintracciabili su telefoni, email e siti internet. A questo punto gli acquirenti, già insospettiti dalle continue scuse che i tre accampavano per la mancata consegna dei prodotti acquistati, hanno realizzato di essere stati truffati. A questo punto i tifernati non hanno potuto fare altro che rivolgersi ai carabinieri di Trestina sporgendo denuncia-querela e raccontando quanto accaduto. I militari si sono messi subito al lavoro, con minuziose indagini, svolte anche sulla Rete. Una ricerca particolarmente difficile, perchè i truffatori si erano premuniti, creando falsi account e acquistando schede telefoniche con nominativi fittizi. Ma in poco meno di due mesi i militari hanno smascherato i truffatori e denunciato i tre pregiudicati alla Procura della repubblica di Perugia.