Cenano in taverna e i ladri entrano al primo piano

SAN GIUSTINO – Si sono arrampicati risalendo la grondaia, hanno forzato una finestra ed hanno messo a soqquadro ben due appartamenti scappando, pochi minuti dopo, con un misero bottino. Il tutto mentre i proprietari di casa stavano cenando nella taverna sottostante.

E’ successo ancora: i ladri sono entrati in azione domenica 3 febbraio all’ora di cena, tra le 20 e le 21 entrando in due appartamenti a Lama, in via della Stazione, a pochi metri dalla scuola media che era stata presa di mira la sera precedente. Hanno agito con maestria, nel silenzio più assoluto: al piano inferiore nè i due residenti, marito e moglie, e nemmeno il loro cane, hanno avuto il sospetto che qualcuno stesse rovistando tra le loro cose.

Rotte le finestre, una volta negli appartamenti, i malviventi hanno aperto ogni mobile ed armadio tirando fuori di tutto, tranne ciò che probabilmente cercavano. Se ne sono andati portando via alcune banconote ed un prezioso.

E’ stato il figlio della coppia, tornato a casa poco dopo, a scoprire l’amara sorpresa. Pochi istanti e si sono accorti che anche l’appartamento vicino era stato messo a soqquadro: anche da lì, a sparire sono stati solo contanti. Immediata la chiamata ai carabinieri che stanno indagando sull’ennesimo furto in appartamento che rispecchierebbe un modus operandi riconducibile all’ormai già citata “banda dell’Est”.

In quella stessa fascia orario e sempre nella zona a confine tra i Comuni di Città di Castello e San Giustino è stato preso di mira dai ladri anche un bar: qui i malviventi hanno scassinato delle slot machine portando via gli incassi.