Atti vandalici contro la sede del Corriere dell’Umbria, il presidente della Provincia Bacchetta esprime “piena solidarietà”

PERUGIA – Pietre contro la sede del Corriere dell’Umbria: non sembra esser stata una bravata, ma “un vero e proprio atto intimidatorio”, dice il direttore Davide Vecchi in post sui social network, dove racconta l’accaduto.

“Purtroppo – scrive ancora il direttore – i sopralluoghi della Digos e i rilievi della polizia scientifica hanno confermato che si è trattato di un vero e proprio atto intimidatorio, e preparato anche piuttosto bene. Sono arrivati a piedi, con il volto coperto dai caschi, parcheggiando distante da qui, sapevano dove erano le telecamere, si sono portati dietro lastre di marmo e granito perché sapevano che le vetrate sono antisfondamento e quei materiali avrebbero provocato dei danni maggiori. Hanno aspettato che l’ultimo vigilantes lasciasse la sede e solamente dopo hanno attraversato la strada per poi sparire non si sa bene attraverso dove e come”. “Mai avrei creduto che in una città come Perugia potessero accadere cose simili” conclude Vecchi.

Piena solidarietà al Direttore del Corriere dell’Umbria, Davide Vecchi e alla redazione, è espressa dal Presidente della Provincia Luciano Bacchetta: “Con l’auspicio che sia fatta piena luce da parte delle forze dell’ordine sul grave episodio, mi unisco all’unanime sdegno per l’accaduto. Laddove emergesse che si è trattato di un atto intimidatorio che va a colpire la libertà di stampa, ci auguriamo che i responsabili vengano assicurati alla giustizia, consapevoli che tutto ciò che va a ledere i valori democratici del nostro paese, deve essere censurato e condannato con decisione”.
Messaggi di solidarietà per i colleghi del Corriere dell’Umbria sono arrivate anche da tutte le forze politiche, e a questo messaggio di solidarietà non possiamo che unirci anche noi della redazione di AtvReport.it