Allarme per una macchia scura nel Tevere fra Umbria e Toscana: intervenuti i carabinieri forestale e Arpa

CITTA’ DI CASTELLO – Una macchia scura è comparsa questa mattina vicino al confine fra Umbria e Toscana.

Ad accorgersi di quanto stava accadendo alcuni membri del Fishing Club Alto Tevere Umbro mentre stavano controllando il fiume.

«Eravamo a poca distanza dal confine fra Umbria e Toscana quando abbiamo notato questa un alone nero o meglio grigio scuro sulla superficie dell’acqua- ha detto Claudio Bianconi del Fishing Club Alto Tevere Umbro – e così abbiamo subito contattato i carabinieri forestale di Città di Castello, che sono arrivati in pochi minuti e hanno subito cercato di capire da dove provenisse quella macchia opaca». I militari hanno seguito il corso del fiume fino alla zona vicino al depuratore situato in località Trebbio, nel comune di Sansepolcro.

«I carabinieri forestali hanno contattato il gestore della struttura – ha spiegato ancora l’esponente del Fishing Club Alto Tevere Umbro –  poi l’Arpa Umbria e quella della Toscana, insieme alla Protezione civile. Gli specialisti di Arpa Umbria hanno effettuato alcuni campionamenti dell’acqua, per cercare di capire le origini e la pericolosità della macchia nera». Tutto il materiale prelevato è stato inviato per le indagini del caso ai laboratori di Perugia che dovranno fare chiarezza sulla tipologia della sostanza che ha oscurato le acque del Tevere

Bianconi ha aggiunto di essere rimasto in quella zona solo alcuni minuti, ed è tornato successivamente «a controllare le sponde del Tevere per una gara: posso solamente dire che intorno alle 13 l’alone scuro era ancora visibile sulla superficie dell’acqua».

Le immagini