Accusato di reati ambientali, imprenditore assolto dopo 5 anni

SAN GIUSTINO – Era accusato di deposito incontrollato di rifiuti pericolosi, ma dopo 5 anni è stato assolto perchè il fatto non costituisce reato. Protagonista è un noto imprenditore a capo di una azienda operante nel settore meccanico di San Giustino, a cui gli agenti tifernate del Corpo forestale dello Stato avevano contestato il reato. Da qui il via al processo. Nell’ultima udienza, avvenuta qualche giorno fa, il pubblico ministero aveva chiesto la condanna a 6 mesi di reclusione e sei mila euro di ammenda; la difesa, rappresentata dall’avvocato Luciana Veschi (nella foto), ha sostenuto l’errata qualifica del rifiuto ed il rispetto dei criteri qualitativi, quantitativi e temporali effettuati dall’imputato che delegava una società terza al recupero dei rifiuti, limitandosi al deposito temporaneo in attesa di raccolta, nelle modalità consentite dalla legge. Da qui il giudice Restivo ha assolto l’imputato perché il fatto non costituisce reato.