fbpx

Unione inquilini, arrivano gli sportelli anche in Altotevere

CITTA’ DI CASTELLO_ Un punto in più dedicato a tutte le tematiche relative al problema degli alloggi. E’ stata prensentata questa mattina, giovedì 16 aprile, in Comune il circolo Unione Inquilini Alta Umbria (Città di Castello, San Giustino e Citerna). «Il sindacato unione e inquilini è una rete consolidata in Umbria – ha spiegato Alessandro Alunno capogruppo consiliare “La Sinistra per Castello” del Comune tifernate – ed è nato per dare una risposta concreta a chi è in difficoltà». Massimiliano Manfroni, segretario Circolo Alta Umbria, ha spiegato come il sindacato sia un nuovo soggetto sociale che apre gli sportello anche in Alta Umbria «Per – ha aggiunto – offrire assistenza: il diritto ad abitare è inalienabile». Manfroni ha poi detto che la struttura sarà disponibile a San Giustino il lunedì, mercoledì e venerdì, mentre a Città di Castello è situato in via Martiri della Libertà è verrà aperta il giovedì dalle 15 alle 17. Dario Pellegrini, avvocato e responsabile Acu Umbria, si dice pronto a collaborare con questo nuovo soggetto e rispondere, così, a tutte le problematiche del cittadino.
«Stiamo osservando uno strano effetto – ha detto Aurelio Ribac segretario Regionale dell’Umbria Unione Inquilini – ci sono case senza inquilini e, contemporaneamente, persone senza un tetto: chi è senza abitazione è senza dignità, perchè quello alla casa è uno dei diritti fondamentali per le persone. Circa il 25% delle case sono sfitte e mi chiedo: ha ancora senso costruire appartamenti? Quando ormai in Umbria si parla di oltre 600 casi di sfratti per morosità»