Umbertide, tante le attività per “Agape 2000”

UMBERTIDE – Un corso di formazione per i tecnici, un incontro sui temi educativi con le famiglie, il nuovo avvio di “Mi salvo in calcio d’angolo” insieme al doposcuola dedicato ai giovani tesserati. Queste le prossime attività messe in cantiere da Agape 2000, società di puro settore giovanile. Il percorso di aggiornamento rivolto ai tecnici è partito sabato 3 ottobre con l’intervento teorico e pratico di mister Lucio Bove su “Obiettivi e metodologie didattiche nella scuola calcio” a cui sono seguite le lezioni di Alessandro Scaia su “L’attività motoria nella scuola calcio: obiettivi e mezzi” per terminare il 12 ottobre con l’intervento di Mauro Di Vattimo su “Aspetti coordinativi e condizionali nelle categorie giovanissimi e allievi”. Successivamente è in calendario l’incontro con i giovani calciatori e con le loro famiglie, incentrato sul tema “Il ruolo dell’allenatore-educatore e del genitore nel percorso di crescita del giovane calciatore” che sarà coordinato dall’educatore Simone Biagioli.
Nel mese di novembre, dopo il successo dello scorso anno, partirà invece la seconda edizione di “Mi salvo in calcio d’angolo”, iniziativa che prevede un supporto per lo studio pomeridiano dei ragazzi, reso possibile grazie alla disponibilità di genitori e dirigenti che mettono a disposizione gratuitamente il proprio tempo e le proprie competenze. “Questa è la nostra concezione dello sport giovanile – afferma Luca Santinelli, presidente di Agape 2000, – incentrata esclusivamente sulla maturazione umana e sportiva dei giovani, quindi sulla loro formazione tecnica, ma anche sulla loro crescita culturale e relazionale. In questo percorso intendiamo valorizzare le tante professionalità che la nostra città esprime, coinvolgendo al tempo stesso personalità significative in grado di arricchire il nostro bagaglio di conoscenza e di esperienza. In un concetto: anche la società si impegna per crescere insieme ai suoi ragazzi”.