Prima Giornata della Trasparenza e Legalità: atteso in città il presidente dell’Autorità nazionale Anticorruzione Cantone

CITTA’ DI CASTELLO – Per la Prima giornata della trasparenza e della Legalità in città arriva Raffaele Cantone, presidente dell’Autorità nazionale Anticorruzione, conosciuto dal grande pubblico da magistrato per le indagini contro i Casalesi ed ora per il suo impegno sul fronte dell’etica pubblica e della giustizia nell’amministrazione. L’incontro con Cantone è previsto domani,  lunedì 7 marzo,  alle 17.30 al Teatro degli Illuminati: parteciperà il sindaco Luciano Bacchetta; Francesco Merloni, dell’Autorità anticorruzione; Alessandra Pioggia, docente dell’Università di Perugia e Bruno Decenti, segretario del Comune. Il presidente dell’Anticorruzione ha chiesto per l’occasione una interlocuzione privilegiata con gli studenti delle scuole superiori, che saranno con lui sul palco per porre quesiti sul lavoro che sta svolgendo, la situazione italiana e le ricette per sanare inefficienze e illegalità negli enti dello Stato.

“Abbiamo scelto il presidente Cantone – spiega il sindaco Luciano Bacchetta e l’assessorato alla semplificazione amministrativa – perché in questo momento riassume, per il ruolo e la sua vicenda personale, chi in Italia sta cercando di riformare la macchina amministrativa combattendo vecchie e nuove resistenze. Il Comune ha inscritto il suo impegno nel Piano Anticorruzione, aggiornato annualmente grazie al contributo di tutti i soggetti del territorio, e integrato da un Codice di comportamento del personale, volto a creare un clima sfavorevole anche ai soli comportamenti devianti, grazie alla collaborazione dei dipendenti, che sono un elemento fondativo di ogni battaglia anticorruzione”.

La Giornata della trasparenza e della legalità nasce  per parlare nelle giornate specifiche del Programma triennale per la trasparenza e l’integrità.

A Città di Castello è anche una previsione del Piano di prevenzione della corruzione. Ha l’obiettivo di informare sulla Performance, processo della Pubblica amministrazione convergente con anticorruzione e trasparenza, nella quale si dà conto di che cosa il l’ente ha fatto, con quali risorse umane, tecniche ed economiche durante l’anno.